Le quotazioni dei principali indici di Borsa a livello globale hanno iniziato una fase correttiva dopo diverse settimane trascorse all’insegna del rialzo. Oggi gli investitori saranno concentrati sull’evento più importante dell’ottava: il meeting della BCE. Secondo diversi analisti, l’istituto guidato da Christine Lagarde potrebbe annunciare una riduzione del PEPP a partire dal 4° trimestre del 2021, portando il programma di acquisti emergenziale da 80 miliardi d 60-65 miliardi di euro al mese. Gli esperti precisano come il Presidente della BCE dovrebbe comunque mantenere un atteggiamento estremamente accomodante, precisando che la riduzione del programma non sia tanto una sorta di tapering ma un riallineamento dopo gli ultimi sviluppi economici. Oltre a questo, l’aggiornamento delle proiezioni su crescita economica ed inflazione potranno fornire nuovi indizi sulle preoccupazioni dell’Eurotower in merito ai rischi di medio termine. Tuttavia Robert Holzmann, Governatore della Banca centrale dell’Austria, ha dichiarato che la BCE potrebbe iniziare a normalizzare la sua politica monetaria prima di quanto molti si aspettano. Guardando ora agli USA è da segnalare come James Bullard, Presidente della Fed di St. Louis, ha dichiarato che l’istituto centrale statunitense dovrebbe iniziare a ridurre presto gli stimoli a dispetto degli ultimi dati sul mercato del lavoro di agosto, i quali hanno fortemente deluso le attese. Per Bullard lo scadere dei sussidi governativi riporterà numerose persone a cercare un impiego, beneficiando il mercato del lavoro a stelle e strisce.

I MARKET MOVER

Nella giornata odierna gli operatori dei mercati finanziari saranno prevalentemente concentrati sulla riunione di politica monetaria della Banca centrale europea e sulla conferenza stampa del governatore Christine Lagarde. Nel pomeriggio il focus degli investitori passerà come di consueto oltreoceano per la pubblicazione di alcuni dati importanti per gli Stati Uniti. Per gli USA si attendono infatti il dato sulle nuove richieste di sussidi di disoccupazione e quello sulle scorte e la produzione di greggio pubblicato dall’EIA. Segnaliamo inoltre le audizioni di Daly e Bowman (Fed votanti).