I principali indici di Borsa a livello globale continuano a veleggiare in area di massimi storici o di periodo. Oggi sarà una giornata particolarmente importante per gli investitori, che monitoreranno attentamente cosa emergerà dal meeting della BCE e dai dati sull’inflazione americana di maggio. Con riferimento al primo tema, gli analisti prevedono che la Banca Centrale Europea fornisca informazioni sull’outlook inflattivo e sulle condizioni di finanziamento determinanti per decidere il ritmo degli acquisti del PEPP, che potrebbe quindi passare da 80 miliardi di euro medi al mese a 75 miliardi. L’Eurotower dovrebbe comunque mantenere programmi di acquisto ancora sostenuti al fine di allontanare i timori di un tapering, con il Pandemic Emergency Purchase Programme che dovrebbe concludersi a giugno 2022. Gli esperti prevedono anche una revisione al rialzo delle stime di crescita dell’Eurozona e una piuttosto contenuta dell’indice dei prezzi al consumo nel medio termine. Con riferimento all’inflazione USA invece sarà da guardare se il dato supererà le già elevate attese al 4,6%. La rilevazione è particolarmente importante in quanto un eccessivo surriscaldamento del dato potrebbe portare la Fed a valutare misure restrittive per contenerlo. Sull’indice dei prezzi al consumo continuano a vedersi delle pressioni: secondo NFIB il 40% delle piccole imprese americane ha alzato i prezzi, il livello massimo dal 1981, e il 43% prevede di incrementarli nei prossimi 3 mesi. Inoltre un 48% delle aziende censite, una misurazione record, ha difficoltà a trovare lavoratori e si è evidenziato un aumento delle retribuzioni.

I MARKET MOVER

La mattinata inizierà con i dati relativi alla produzione industriale italiana di aprile. Le attenzioni passeranno poi all’asta di BTp a 3, 7 e 30 anni, mentre nel primo pomeriggio i riflettori saranno puntati verso la riunione della BCE e alla successiva conferenza stampa del Presidente Christine Lagarde. Focus poi sugli Stati Uniti, dove si conoscerà il dato sull’inflazione di maggio e l’andamento delle richieste di sussidi di disoccupazione dell’ultima settimana. Nel corso della giornata verrà anche rilasciato il report mensile dell’OPEC.