Le quotazioni del FTSE Mib continuano a scambiare al di sopra dei 26.000 punti, anche se l’incertezza appare particolarmente elevata. Le ultime sedute di contrattazioni hanno infatti dato vita a diverse candele doji. Il principale indice di Borsa Italiana fatica quindi a trovare una spinta rialzista dopo la rottura della fase laterale che si era sviluppata dallo scorso 19 agosto. A questo punto, una discesa al di sotto dei 26.000 punti darebbe alle forze ribassiste l’occasione per incrementare la loro pressione. Se ciò dovesse accadere infatti, si aprirebbero spiragli per una discesa verso i 25.830 punti, area che in più occasioni ha respinto gli attacchi degli operatori ribassisti nelle settimane precedenti. Una rottura di tale intorno permetterebbe poi al paniere di raggiungere i 25.500 punti. Da tale zona le quotazioni potrebbero ripartire tornando al test dei 26.700 punti, toccati nella seduta del 13 agosto 2021. Da un punto di vista operativo, l’approdo sui 25.830 punti potrebbe essere sfruttato per valutare strategie di matrice rialzista in linea con la tendenza sottostante con stop loss identificabile a 25.680 punti e obiettivo a 26.020 punti. Al contrario, per quanto riguarda l’operatività di stampo short, questa sarebbe valutabile da 25.750 punti. In tal caso lo stop loss sarebbe posizionabile a 26.000 punti, mentre il target a 25.400 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 25.830 punti con stop loss a 25.680 punti e obiettivo a 26.020 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 20.000,0000 NLBNPIT12I69 17/12/2021

TURBO LONG 21.000,0000 NLBNPIT12I77 17/12/2021

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 25.750 punti con stop loss a 26.000 punti e target a 25.400 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 27.500,0000 NLBNPIT12IJ2 17/12/2021

TURBO SHORT 29.000,0000 NLBNPIT12IL8 17/12/2021