La resistenza a 26.250 punti lasciata in eredità dai massimi del 2 settembre 2021 ha respinto nuovamente le quotazioni del FTSE Mib, che negli ultimi giorni hanno dato vita ad una fase laterale compresa tra tale ostacolo e la soglia psicologica dei 26.000 punti. Per gli operatori si potrebbero ora aprire due scenari, il primo relativo ad una nuova fase discendente verso la zona dei 25.830 punti. Una violazione di tale supporto darebbe ai venditori l’opportunità di tornare dapprima verso i 25.600 punti, 38,2% del ritracciamento di Fibonacci disegnato su tutta la gamba di rialzo iniziata il 20 luglio 2020, per poi passare al successo sostegno a 25.300 punti. In ogni caso, come abbiamo detto più volte durante questa newsletter, l’arrivo su questi supporti non determinerebbe un’invalidazione dell’uptrend in atto. La seconda ipotesi riguarda invece la violazione dell’area di concentrazione di offerta identificabile nei 26.250 punti. In tal caso si potrebbe assistere ad un tentativo di allungo del principale indice di Borsa Italiana sui massimi annuali, in zona 26.733 punti. Da un punto di vista operativo, si potrebbero valutare strategie di matrice long da 26.250 punti. Lo stop loss sarebbe localizzato sulla soglia psicologica dei 26.000 punti, mentre l’obiettivo 26.600 punti. Viceversa, le strategie di matrice short sarebbero valutabili da 25.970 punti con stop loss a 26.250 punti e target a 25.600 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 26.250 punti con stop loss a 26.000 punti e obiettivo a 26.600 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 20.000,0000 NLBNPIT12I69 17/12/2021

TURBO LONG 21.000,0000 NLBNPIT12I77 17/12/2021

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 25.970 punti con stop loss a 26.250 punti e obiettivo a 25.600 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 27.500,0000 NLBNPIT12IJ2 17/12/2021

TURBO SHORT 29.000,0000 NLBNPIT12IL8 17/12/2021