Dopo la correzione avvenuta nella seduta dello scorso 13 luglio, le quotazioni del FTSE Mib hanno ripreso forza, confermando l’impostazione positiva del modello Harami bullish messo in evidenza nelle precedenti newsletter. I corsi sembrano quindi diretti nuovamente verso l’area resistenziale identificata a 25.500 punti, dove passano la linea di tendenza ottenuta collegando i massimi dell’8 e 14 giugno 2021 e il livello orizzontale lasciato in eredità dai massimi del 25 maggio 2021. Una violazione di questi ostacoli permetterebbe ai compratori di portarsi verso la soglia psicologica dei 26.000 punti. I venditori tornerebbero in vantaggio solo dopo una discesa al di sotto 25.000 punti, per poi passare alla rottura dei 24.500 punti. È da sottolineare come la rottura di quest’ultimo ostacolo verrebbe interpretata in maniera particolarmente negativa, con il principale indice di Borsa Italiana che a quel punto avrebbe la possibilità di dirigersi verso il successivo supporto a 24.000 punti. Da un punto di vista operativo, le strategie di matrice long sarebbero valutabili in caso di ritorno verso i 25.000 punti. Lo stop loss sarebbe individuabile a 24.800 punti, mentre l’obiettivo a 25.500 punti. Al contrario, l’operatività di stampo short potrebbe essere valutata da 24.845 punti. Lo stop loss sarebbe localizzato a 25.200 punti e l’obiettivo a 24.100 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 25.000 punti con stop loss a 24.800 punti e obiettivo a 25.500 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 20.000,0000 NLBNPIT12I69 17/12/2021

TURBO LONG 21.000,0000 NLBNPIT12I77 17/12/2021

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 24.845 punti con stop loss a 25.200 punti e obiettivo a 24.100 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 27.500,0000 NLBNPIT12IJ2 17/12/2021

TURBO SHORT 29.000,0000 NLBNPIT12IL8 17/12/2021