Le quotazioni del FTSE Mib ieri hanno mostrato i primi segnali di debolezza dopo ben otto sedute di contrattazioni consecutive di segno positivo, che avevano portato le quotazioni oltre i 26.700 punti. Come evidenziato più volte nelle precedenti newsletter, le quotazioni stanno evidenziando un forte eccesso di momentum in area di massimi pluriennali e a questo punto appare inevitabile un movimento correttivo e in questo senso la candela di ieri, seppur rialzista, ha interrotto il rialzo. Per questo motivo nuove strategie rialziste potrebbero essere implementate in caso di ritracciamento verso i supporti. Il più importante è quello a 26.000 punti mentre il successivo a 25.500 punti, dove i corsi hanno reagito in più occasioni negli scorsi mesi. In caso di ritracciamento, segnali di forza in prossimità di questi due supporti potrebbero consentire l’implementazione di posizioni long con target in prossimità dei massimi a 26.700 punti. Una violazione del livello dinamico discendente che conta i massimi decrescenti registrati a giugno comprometterebbe invece l’attuale struttura rialzista a favore dei venditori. In tal caso i corsi potrebbero essere trasportati verso i 25.000 punti. Strategie long potrebbero essere valutate da 26.000 punti con stop loss a 25.850 punti e target a 26.700 punti. Al contrario, l’operatività short è valutabile da 25.300 punti con stop loss a 25.450 punti e obiettivo a 25.000 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 26.000 punti con stop loss a 25.850 punti e target a 26.700 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 20.000,0000 NLBNPIT12I69 17/12/2021

TURBO LONG 21.000,0000 NLBNPIT12I77 17/12/2021

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 25.300 punti con stop loss a 25.450 punti e obiettivo a 25.000 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 27.500,0000 NLBNPIT12IJ2 17/12/2021

TURBO SHORT 29.000,0000 NLBNPIT12IL8 17/12/2021