Dopo aver tentato un nuovo approdo sull’area psicologica dei 27.000 punti, le quotazioni del FTSE Mib hanno iniziato ad arretrare. La struttura grafica del principale indice di Borsa Italiana non è cambiata molto rispetto a quella descritta nella newsletter di ieri. Nel brevissimo periodo, il livello da monitorare è quello dei 26.700 punti, supporto che se violato metterebbe i venditori nella condizione di accelerare verso i 26.600 punti in primis, per poi passare ai 26.500 punti. Un’altra zona da tenere sotto controllo nell’eventualità di una prosecuzione della fisiologica correzione sarebbe individuabile a 26.250 punti, dove passano il livello orizzontale espresso dai top del 2 settembre 2021, la linea di tendenza ottenuta collegando i minimi del 28 luglio e 9 settembre 2021 e la trendline disegnata con i minimi del 20 settembre e del 1° ottobre 2021. Su un orizzonte temporale di più ampio respiro invece, le quotazioni avrebbero la possibilità di raggiungere la zona compresa tra i 28.000 e i 30.000 punti. Da un punto di vista operativo, si potrebbero valutare strategie long attendendo una correzione più profonda verso la zona di concentrazione di domanda a 25.860 punti. Lo stop loss sarebbe in tal caso identificabile a 25.690 punti, mentre l’obiettivo a 26.200 punti. Al contrario, l’operatività di stampo short può essere valutata da 26.800 punti con stop loss a 27.050 punti e obiettivo a 26.500 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 25.860 punti con stop loss a 25.690 punti e obiettivo a 26.200 punti.

FTSE MIB IDX Turbo Long | 20,000.00

FTSE MIB IDX Turbo Long | 21,000.00

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 26.800 punti con stop loss a 27.050 punti e obiettivo a 26.500 punti.

FTSE MIB IDX Turbo Short | 27,500.00

FTSE MIB IDX Turbo Short | 29,000.00