Per le principali Borse europee l'ultima seduta della settimana si prospetta con volumi ridotti per via delle festività negli Stati Uniti. Dopo lo stop di ieri per il giorno del Ringraziamento, oggi ci sarà la chiusura anticipata di Wall Street per il Black Friday (prevista alle 19 ore italiane). Senza il faro della Borsa Usa, i mercati si concentrano sulle notizie sui vaccini e sui dati in arrivo dalla Cina. Su quest'ultimo fronte, in evidenza la pubblicazione dell'ottimo dato relativo ai profitti industriali della Cina, che hanno accelerato il passo in modo significativo. A ottobre, i profitti industriali della Cina sono saliti su base annua del 28,2%, rispetto al precedente rialzo del 10,1%. Sotto osservazione anche il petrolio, che mostra un certo nervosismo in vista della riunione dell'Opec+, che inizierà la prossima settimana, e per lo smorzarsi del rally da vaccino. Sia il contratto WTI che il Brent hanno messo a segno un +6% questa settimana, accogliendo con favore l'annuncio arrivato da Astrazeneca sul vaccino a cui sta lavorando con l'università di Oxford. Dubbi sul vaccino sono stati però espressi, in particolare, negli Usa, con il responsabile della Operation Warp Speed della Casa Bianca, Moncef Slaoui, che ha mostrato timori riguardo al gruppo testato da Astrazeneca.

APPUNTAMENTI ECONOMICI

Nel corso della seduta odierna da seguire i vari indici di fiducia nella zona euro, e in Italia (consumatori e imprese).