Le azioni Pfizer sono state al centro dell’attenzione negli ultimi mesi dopo che la società ha annunciato lo sviluppo di un vaccino Covid efficace al 95%. Il problema di questo farmaco, che nelle ultime settimane ha iniziato ad essere somministrato a livello globale, deriva dalle sue modalità di conservazione. Il siero deve infatti rimanere ad una temperatura di -80 gradi centigradi e, una volta scongelato, può durare solo cinque giorni. Dalle ultime comunicazioni però, l’azienda starebbe studiando un modo per consentire alla soluzione di conservarsi a 2-8 gradi. La società ha inoltre comunicato che si avranno più dati nel primo trimestre del 2021. Se Pfizer dovesse essere in grado di raggiungere questo traguardo, la campagna di vaccinazione potrebbe semplificarsi in modo notevole in quanto molti problemi di natura logistica verrebbero meno. Venendo all’operatività, i long potrebbero essere valutati da 37,50 dollari, mentre gli short da 36,30 dollari.

SCENARIO RIALZISTA

Long sulla forza da 37,50 dollari avrebbero stop loss a 36,43 dollari e target a 39 dollari.

SCENARIO RIBASSISTA

Short valutabili sulla rottura di 36,30 dollari con stop loss a 37,92 dollari e obiettivo a 35,42 dollari.