Piazza Affari dovrebbe avviare gli scambi intorno alla parità, dopo il tentativo di risalita di ieri. L'indice Ftse Mib ha chiuso con un progresso dell'1,45% a quota 20.892 punti. La giornata non è andata altrettanto bene sull'obbligazionario con spread arrivato fino a 283 punti base (massimi da febbraio), complici le parole di Matteo Salvini circa l’intenzione, se necessario, di sforare i vincoli Ue su deficit del 3% e contenimento del debito. In mattinata l’obbligazionario aveva accolto con favore invece l’esito dell’asta Btp che ha visto l’assegnazione di titoli a 3, 7 e 30 anni per 6,75 miliardi, il massimo dell’ammontare in offerta. La giornata italiana sarà movimentata dal dato su fatturato e ordini industriali, mentre a livello societario si attendono i conti di A2A e Salini Impregilo.