Con i rialzi messi a segno nella seduta di ieri, l’S&P 500 ha raggiunto l’obiettivo rialzista menzionato nelle scorse newsletter a 4.420 punti, dove passano la linea di tendenza ottenuta collegando i top del 4 gennaio e 9 febbraio 2022 e il livello statico lasciato in eredità dai massimi del 29 luglio 2021. Un primo segnale di forza arriverebbe con l’accelerazione dei compratori al di sopra di queste resistenze, che permetterebbe al principale indice di Borsa statunitense di riportarsi al test del successivo ostacolo a 4.536 punti, espresso dai top del 30 agosto 2021. Al contrario, un ritorno delle vendite avrebbe la possibilità di riportare i corsi dapprima verso i 4.300 punti, per poi passare al primo importante sostegno a 4.230 punti, ereditato dai top del 7 maggio 2021. Una flessione sotto quest’ultimo intorno seguita da una rottura dei 4.100 punti tornerebbe a peggiorare il quadro tecnico, con i corsi che potrebbero dunque proseguire il downtrend in atto da inizio anno. Da un punto di vista operativo, si potrebbero valutare strategie di matrice long dalla zona di concentrazione di domanda a 4.100 punti. Lo stop loss sarebbe identificabile a 4.020 punti, mentre il target a 4.230 punti. Per quanto riguarda l’operatività di stampo short, questa potrebbe essere valutata in caso di ritorno sulla resistenza a 4.420 punti. Lo stop loss sarebbe posto a 4.480 punti, mentre l’obiettivo a 4.250 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 4.100 punti con stop loss a 4.020 punti e obiettivo a 4.230 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 4.057,47 NLBNPIT12786 OPEN END

TURBO LONG 3.935,79 NLBNPIT12026 OPEN END

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 4.420 punti con stop loss a 4.480 punti e obiettivo a 4.250 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 5.312,57 NLBNPIT14GM6 OPEN END

TURBO SHORT 5.192,72 NLBNPIT146A6 OPEN END