Dopo aver rallentato il movimento ascendente, le quotazioni dell’S&P 500 hanno dato vita ad una correzione più rilevante rispetto a quelle viste nel recente passato. Con il ritorno degli operatori dopo le festività del Labor Day, i corsi si sono infatti riportati verso il test dell’importante linea di tendenza ottenuta collegando i massimi del 16 a quelli del 29 aprile 2021. Se questo livello di concentrazione di domanda dovesse cedere, il principale indice di Borsa statunitense potrebbe mettere a segno un ritracciamento più esteso, che avrebbe la possibilità di dirigersi in primo luogo verso l’area dei 4.480 punti. Se anche questa zona dovesse cedere, l’obiettivo del fronte ribassista sarebbe identificabile verso i 4.466 punti, dove passa la trendline ottenuta collegando i minimi del 21 giugno e 19 luglio 2021. Ribadiamo comunque che i corsi rimangono inseriti all’interno di una fase decisamente rialzista e solo una discesa sotto i 4.430 punti cambierebbe lo scenario a favore dei venditori. Da un punto di vista operativo, si potrebbero valutare strategie di matrice long in caso di approdo dei corsi verso i 4.430 punti. Lo stop loss sarebbe in tal caso identificabile a 4.375 punti, mentre l’obiettivo a 4.500 punti. L’operatività di matrice ribassista potrebbe invece essere valutata da 4.495 punti, con stop loss localizzato a 4.540 punti e target a 4.430 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 4.430 punti con stop loss a 4.375 punti e obiettivo a 4.500 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 3.300,0000 NLBNPIT12P52 15/12/2021

TURBO LONG 3.500,0000 NLBNPIT12P60 15/12/2021

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 4.495 punti con stop loss a 4.540 punti e target a 4.430 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 4.900,0000 NLBNPIT12PF5 15/12/2021

TURBO SHORT 4.700,0000 NLBNPIT12PE8 15/12/2021