Le quotazioni dell’S&P 500 non sono ancora riuscite ad aggiornare i massimi storici, facendo dei 4.250 punti la resistenza più importante nel breve periodo su cui transita la linea di tendenza ottenuta collegando i minimi del 20 e 21 aprile 2021. Se questo ostacolo non dovesse essere superato, si potrebbe assistere ad un ritorno al di sotto del supporto di breve periodo a 4.220 punti e ad un successivo nuovo test dei 4.200 punti. Rimangono sempre validi i due scenari menzionati ieri, che contemplano la formazione di un modello di doppio massimo con neckline individuata in zona 4.050 punti, dove passano il 38,2% del ritracciamento di Fibonacci disegnato su tutta la gamba di rialzo iniziata lo scorso 5 marzo e la linea di tendenza ottenuta collegando i top del 16 febbraio e 16 marzo 2021. La seconda ipotesi è invece relativa al superamento dei top storici con prossimo obiettivo a 4.300 punti. Se il primo scenario dovesse avverarsi, l’attuale tendenza rialzista potrebbe andare sotto pressione. Da un punto di vista operativo quindi, si potrebbero valutare strategie long a ridosso del supporto posto in area 4.150 punti. Lo stop loss sarebbe quindi identificabile a 4.125 punti, mentre l’obiettivo a 4.190 punti. Al contrario invece, l’operatività short è valutabile in caso di discesa delle quotazioni al di sotto dei 4.175 punti con stop loss posizionabile a 4.220 punti e target a 4.100 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 4.150 punti con stop loss a 4.125 punti e obiettivo a 4.190 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 3.300,0000 NLBNPIT12P52 15/12/2021

TURBO LONG 3.500,0000 NLBNPIT12P60 15/12/2021

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 4.175 punti con stop loss a 4.220 punti e target a 4.100 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 4.900,0000 NLBNPIT12PF5 15/12/2021

TURBO SHORT 4.700,0000 NLBNPIT12PE8 15/12/2021