Venerdì scorso le quotazioni dell’indice di Borsa S&P 500 hanno ritrovato forza dopo la pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro statunitense, registrando nuovi massimi assoluti a Wall Street. Nonostante la rinnovata positività, i corsi dovranno abbandonare con forza la parte alta del trading range compreso tra i 4.370 punti come base supportiva e area 4.425 punti come livello resistenziale. Come evidenziato nella precedente newsletter, anche se la tendenza rimane fortemente orientata al rialzo nel medio periodo, la recente struttura grafica induce cautela. Bisognerà attentamente monitorare la price action attorno ai livelli chiave precedentemente menzionati alla ricerca di eventuali segnali di inversione. Una violazione stabile dei 4.370 punti darebbe modo alle forze ribassiste di tornare al test dell’area di concentrazione di domanda compresa tra i 4.280 e i 4.266 punti, delimitata da due importanti livelli di natura statica. In caso di ritracciamento, segnali di forza in area 4.380 punti potrebbero fornire un’interessante opportunità di acquisto in linea con il trend dominante. Per quanto riguarda l’operatività, si potrebbero quindi valutare strategie long da 4.380 punti con stop loss posizionabile a 4.350 punti e obiettivo localizzato a 4.425 punti. Al contrario, l’operatività short è valutabile da 4.370 punti. Lo stop loss sarebbe quindi posizionabile a 4.390 punti mentre il target a 4.280 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 4.380 punti con stop loss a 4.350 punti e obiettivo a 4.425 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 3.300,0000 NLBNPIT12P52 15/12/2021

TURBO LONG 3.500,0000 NLBNPIT12P60 15/12/2021

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 4.370 punti con stop loss a 4.390 punti e target a 4.280 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 4.900,0000 NLBNPIT12PF5 15/12/2021

TURBO SHORT 4.700,0000 NLBNPIT12PE8 15/12/2021