Dopo i decisi ribassi messi a segno nella seduta del 16 giugno, le quotazioni dell’S&P 500 sono riuscite a rialzare la testa, sostenute dal supporto posto a ridosso della soglia psicologica dei 4.200 punti, rimbalzando a ridosso della linea di tendenza ottenuta collegando i minimi del 24 maggio e 3 giugno 2021. La conformazione grafica assunta dal principale indice di Borsa statunitense sembra propensa ad una prosecuzione del movimento discendente, con obiettivo identificabile verso la zona dei 4.150 punti, dove transitano il livello orizzontale lasciato in eredità dai massimi del 27 aprile 2021 e il 23,6% del ritracciamento di Fibonacci disegnato su tutta la gamba di rialzo cominciata lo scorso 5 marzo. Da tale intorno i compratori potrebbero riprendere forza. Al contrario, la rottura di tale livello di concentrazione di domanda consentirebbe ai venditori di tentare il test dei 4.100 punti. La struttura volgerebbe in favore dei venditori in maniera più strutturata solo con una rottura dei 4.050 punti. Da un punto di vista operativo, si potrebbero valutare strategie di matrice long in caso di flessione verso i 4.150 punti. Lo stop loss sarebbe quindi identificabile a 4.125 punti, mentre il target a 4.190 punti. Viceversa, strategie di matrice short possono essere valutate in caso di discesa al di sotto dei 4.240 punti, e avrebbero stop loss posizionabile a 4.260 punti e target a 4.180 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 4.150 punti con stop loss a 4.125 punti e obiettivo a 4.190 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 3.300,0000 NLBNPIT12P52 15/12/2021

TURBO LONG 3.500,0000 NLBNPIT12P60 15/12/2021

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 4.240 punti con stop loss a 4.260 punti e target a 4.180 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 4.900,0000 NLBNPIT12PF5 15/12/2021

TURBO SHORT 4.700,0000 NLBNPIT12PE8 15/12/2021