Le quotazioni del future dell’S&P 500 non hanno messo a segno movimenti di rilievo con la chiusura di Wall Street per la festività del Juneteenth Day. Graficamente, i corsi rimangono nei pressi dei 3.700 punti: per tornare in vantaggio i compratori dovrebbero riuscire ad effettuare una chiusura giornaliera sopra i 3.800 punti, dove passa il 38,2% del ritracciamento di Fibonacci disegnato su tutta la gamba di rialzo iniziata a marzo 2020. Se ciò dovesse accadere, il principale indice di Borsa USA avrebbe la possibilità di raggiungere i 3.900 punti dove verrebbe chiuso il gap down aperto dal 13 giugno 2022. Successive ripartenze troverebbero il loro obiettivo sui 4.000 punti prima, per poi passare ai 4.100 punti, su cui transitano il livello statico espresso dai massimi del 9 aprile 2021 e la linea di tendenza ottenuta collegando i massimi del 4 e 31 maggio 2022. Viceversa, se le vendite delle ultime settimane dovessero proseguire, le quotazioni potrebbero mettere nel mirino i 3.540 punti. Da un punto di vista operativo, si potrebbero valutare strategie long sfruttando il recupero dei 3.800 punti. Lo stop loss sarebbe identificabile a 3.700 punti, mentre il target a 3.950 punti. Per quanto riguarda l’operatività short, questa potrebbe essere valutata nel caso di nuovo test della resistenza a 4.120 punti. Lo stop loss sarebbe posto a 4.200 punti, mentre l’obiettivo a 4.000 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 3.800 punti con stop loss a 3.700 punti e obiettivo a 3.950 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 3.360,90 NL0015441056 OPEN END

TURBO LONG 3.230,49 NL0015440090 OPEN END

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 4.120 punti con stop loss a 4.200 punti e obiettivo a 4.000 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 5.312,57 NLBNPIT14GM6 OPEN END

TURBO SHORT 5.192,72 NLBNPIT146A6 OPEN END