Dopo la discesa che ha portato i corsi al test dell’importante supporto a 4.250 punti, lasciato in eredità dai massimi del 10 maggio 2021, l’S&P 500 ha iniziato a riprendere vigore. Le quotazioni sono riuscite a reagire a ridosso del livello di concentrazione di domanda fornito dal sostegno orizzontale menzionato prima, corrispondente anche al 23,6% del ritracciamento di Fibonacci disegnato su tutta la gamba di rialzo iniziata il 5 marzo 2021, e dalla linea di tendenza ottenuta collegando i minimi del 30 ottobre 2020 a quelli del 4 marzo 2021. Il principale indice di Borsa USA potrebbe ora fornire un segnale positivo se riuscisse a superare dapprima l’ex supporto a 4.318,90 punti, per poi passare al riassorbimento dell’intera candela di estensione dello scorso 19 luglio. Al contrario, un segnale di prosecuzione della debolezza arriverebbe solamente con una discesa al di sotto dei 4.350 punti: la struttura rimane infatti saldamente orientata al rialzo e la recente correzione appare ancora sfruttabile per migliorare l’eventuale prezzo di acquisto. Da un punto di vista operativo quindi, le strategie di stampo long sarebbero valutabili da 4.280 punti. Lo stop loss sarebbe individuabile a 4.240 punti, mentre l’obiettivo a 4.330 punti. Viceversa, si potrebbero sfruttare le prossime resistenze a 4.320 punti per valutare un’operatività di matrice short con stop loss a 4.340 punti e obiettivo a 4.290 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 4.280 punti con stop loss a 4.240 punti e target a 4.330 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 3.300,0000 NLBNPIT12P52 15/12/2021

TURBO LONG 3.500,0000 NLBNPIT12P60 15/12/2021

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 4.320 punti con stop loss a 4.340 punti e obiettivo a 4.290 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 4.900,0000 NLBNPIT12PF5 15/12/2021

TURBO SHORT 4.700,0000 NLBNPIT12PE8 15/12/2021