Le quotazioni dell’S&P 500 continuano a veleggiare intorno alla soglia psicologica dei 4.400 punti, dove transita anche la linea di tendenza ottenuta collegando i massimi del 16 e 29 aprile 2021. Come abbiamo evidenziato nella newsletter di ieri, il principale indice di Borsa statunitense potrebbe essere arrivato ad un livello idoneo per dare vita ad un movimento correttivo dopo i forti rialzi che hanno seguito il ribasso dello scorso 19 luglio. In tal senso, un segnale positivo nel breve periodo per i venditori sarebbe quello relativo ad una discesa al di sotto dei 4.380 punti. Se ciò dovesse accadere si avrebbero maggiori probabilità di assistere ad un respingimento della trendline menzionata prima, con un impulso che avrebbe come primo obiettivo i supporti di breve termine posti a 4.350 punti. Al momento comunque, il paniere statunitense continua a mettere in luce una forza rilevante, e non sembra ancora il momento di valutare un’operatività di matrice ribassista senza prima assistere a dei segnali di debolezza. Da un punto di vista operativo quindi, si potrebbero valutare strategie di matrice long da 4.350 punti con stop loss posizionabile a 4.310 punti e obiettivo a 4.400 punti. Al contrario, l’operatività di stampo short sarebbe valutabile dai 4.390 punti con stop loss localizzato a 4.425 punti e target identificato a 4.350 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 4.350 punti con stop loss a 4.310 punti e obiettivo a 4.400 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 3.300,0000 NLBNPIT12P52 15/12/2021

TURBO LONG 3.500,0000 NLBNPIT12P60 15/12/2021

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 4.390 punti con stop loss a 4.425 punti e target a 4.350 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 4.900,0000 NLBNPIT12PF5 15/12/2021

TURBO SHORT 4.700,0000 NLBNPIT12PE8 15/12/2021