Dopo cinque sedute all’insegna dei rialzi, le quotazioni dell’S&P 500 hanno iniziato a correggere confermando la validità resistenziale della soglia psicologica dei 4.400 punti e della linea di tendenza ottenuta collegando i massimi del 16 e 29 aprile 2021. Il fronte rialzista sta iniziando a fornire alcuni segnali di affaticamento: sul grafico giornaliero si è infatti delineato un modello Engulfing bearish. Una conferma di questo pattern di natura ribassista, che avverrebbe in caso di discesa al di sotto di 4.385 punti, aprirebbe la strada ad un’accelerazione dei venditori fino alla zona dei 4.320 punti. Qui passano infatti la linea di tendenza ottenuta collegando i minimi del 30 ottobre 2020 a quelli del 4 marzo 2021 e il livello statico lasciato in eredità dai top dell’1 luglio 2021. In generale, la struttura grafica del principale indice di Borsa statunitense rimane orientata al rialzo, e lo resterà fino a quando non verrà violato il coriaceo livello di concentrazione di domanda a 4.250 punti. Da un punto di vista operativo, si potrebbero valutare strategie di matrice long da 4.350 punti con stop loss posizionabile a 4.310 punti e obiettivo localizzato a 4.400 punti. Al contrario, l’operatività di stampo short è valutabile in caso di discesa al di sotto dei 4.384 punti. Lo stop loss sarebbe quindi posizionabile a 4.430 punti, mentre il target a 4.310 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 4.350 punti con stop loss a 4.310 punti e obiettivo a 4.400 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 3.300,0000 NLBNPIT12P52 15/12/2021

TURBO LONG 3.500,0000 NLBNPIT12P60 15/12/2021

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 4.384 punti con stop loss a 4.430 punti e target a 4.310 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 4.900,0000 NLBNPIT12PF5 15/12/2021

TURBO SHORT 4.700,0000 NLBNPIT12PE8 15/12/2021