Con il passare del tempo, sempre più compagnie automobilistiche tradizionali pianificano di aumentare la loro quota di veicoli elettrici. Per Stellantis il processo di transizione sarà prioritario ed entro il 2025 il gruppo nato dalla fusione tra FCA e PSA pianifica di proporre una versione elettrica per ogni modello, in un contesto in cui l’azienda prevede che il 70% delle vendite in Europa e il 31% negli USA riguarderanno veicoli elettrificati. I nuovi modelli dovrebbero avere un’autonomia compresa tra i 500 e gli 800 chilometri, allontanando le preoccupazioni di chi vede questo fattore come barriera per acquistare un’automobile di questo tipo. La società prevede anche di dare vita a due gigafactory in Europa. In questo quadro, è da segnalare come a marzo i dati Acea mostrino come Stellantis abbia registrato un balzo delle immatricolazioni nell’Unione Europea del 140,9%, con una quota di mercato passata dal 14,2% di un anno prima al 21%.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 14,21 euro con stop loss a 13,65 euro e target a 15,10 euro.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 11,0264 NLBNPIT114R8 18/06/2021

TURBO LONG 10,3793 NLBNPIT10SA4 18/06/2021

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 15,30 euro con stop loss a 15,64 euro e obiettivo a 14,90 euro.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 17,8000 NLBNPIT11ZS9 18/06/2021

TURBO SHORT 18,5000 NLBNPIT11ZT7 18/06/2021