Tenaris, dopo aver toccato i 7 euro, ha iniziato un lento declino tornando fin sotto quota 6 euro. Nel caso in cui la debolezza dovesse provocare la rottura del supporto chiave a 5,40 euro sono possibili accelerazioni al ribasso verso 5 e 4,68 euro. Questo è l’ultimo livello statico che divide Tenaris dai minimi quasi ventennali a 4,05 euro toccati lo scorso 16 marzo. Al rialzo, invece, per avere un primo segnale positivo si dovrà attendere il superamento dei 6,20 euro per poi puntare alle successive resistenze collocate a 6,68 e 7,73 euro.

SCENARIO RIALZISTA

Long sopra 6,20 euro, con stop sotto 5,40 euro. Target a 6,68 e 7,73 euro.

SCENARIO RIBASSISTA

Short sotto 5,40 euro, con stop sopra 6,20 euro. Target 5 e 4,68 euro.