Tra i vari titoli che sono finiti sotto la lente degli investitori nel corso del 2020 vi è Tesla. A Wall Street l’azienda guidata da Elon Musk ha messo a segno un rialzo del 743,4% durante il 2020, anno in cui ha effettuato un frazionamento azionario, è entrata all’interno dell’indice S&P 500 e ha sfiorato il target di consegne posto 500mila veicoli. A spingere i prezzi del titolo sono diversi elementi, tra cui la capacità del suo AD di attrarre gli investitori e alla dinamica di fondo che sta portando la quasi totalità dei Governi del mondo ad adottare politiche di decarbonizzazione, con una larga adozione di auto elettriche che può considerarsi tra i principali pilastri del cambiamento atteso. Oggi l’azienda pubblicherà i conti dell’ultimo trimestre del 2020 e gli analisti si attendono utili per azione a 0,41 dollari e ricavi a 7,4 miliardi di dollari, dati che superano quelli registrati nel medesimo periodo del 2019 e pari rispettivamente a 0,39 dollari e 7,2 miliardi di dollari.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 800 dollari con stop loss a 780 dollari e target a 835 dollari.

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short possono essere valutate da 856 dollari. Lo stop loss sarebbe localizzato a 900 dollari, l’obiettivo a 800 dollari.