Non sono un Nativo Digitale, anzi sono un Baby Boomer arrivato a quella fatidica età dove tenere il passo con le innovazioni tecnologiche diventa difficile. Finalmente in vacanza tra un’occhiata ai mercati e una alla nuvoletta che rovina le giornate togliendo il sole ho trovato il tempo di studiare l’uso di Twitter per migliorare la comunicazione con i lettori (e i clienti): ho intenzione di usare molto questo canale per condividere idee, analisi e articoli interessanti con tutti voi. Se siete curiosi e gradite ricevere i miei prossimi tweet di economia e finanza iscrivetevi al mio @FRNTrading cliccandoci sopra.

A proposito, come va Twitter in Borsa? Dal Campionato del Mondo il prezzo è tornato a salire: questo servizio di messaggistica è stato lo strumento di comunicazione più utilizzato dai tifosi durante le partite di calcio. Guardate l’animazione del traffico Twitter nel mondo durante la partita inaugurale Brasile-Croazia cliccando qui) o sulla figura seguente.

Il grafico seguente mostra l’analisi settimanale del titolo (TWTR.N) dalla quotazione nel 2013. Si nota che il trend ribassista iniziato dal massimo di dicembre 2013 si è arrestato tra maggio e giugno 2014 dove ha consolidato il minimo da cui è ripartito guadagnando il 50% grazie proprio alla spinta dei Mondiali. Noi analisti cercavamo il facile guadagno nei titoli dei produttori di magliette e scarpette (solitamente legate a questi eventi) e invece i Nativi Digitali ha premiato la facilità d’uso di questo strumento di comunicazione.