Dove sta andando il mercato crypto?

Dove sta andando il mercato crypto? Fare previsioni non è sempre facile, specie se si tratta di un campo d'investimento così volatile ed incline al cambiamento. Tuttavia, riecheggiando le ragioni della popolarità dei più importanti nomi delle criptovalute è possibile pervenire ad una sorta di quadro di futuro andamento.

Image

Dove sta andando il mercato crypto? Con questo articolo oggi vogliamo focalizzarci sulla risposta a questa domanda, attenzionando alcuni dei principali nomi di criptovalute. Questa scelta ci consentirà non soltanto di rispolverare le ragioni della loro popolarità, ma anche di darvi qualche spunto dal quale partire per approfondire l’argomento

Bitcoin

Il Bitcoin è la criptovaluta più conosciuta e di maggior valore. È anche la prima ad essere stata creata, il che significa che ha una disponibilità limitata a 21 milioni di unità. Il Bitcoin esiste dal 2009, quindi è in circolazione da più tempo di qualsiasi altra criptovaluta oggi in circolazione.

Inoltre, il Bitcoin è la criptovaluta più utilizzata, viene scambiata più di qualsiasi altra moneta digitale (oltre a Ethereum) ed è accettata da diverse grandi aziende come Microsoft e Overstock. Il suo futuro sembra avere la strada spianata.

Come si evince dal Centro Studi Moneyfarm:

"Per quanto sia difficile fare delle previsioni di lungo periodo sull’andamento del bitcoin, alcuni analisti hanno ipotizzato che si possa superare la soglia dei 200.000 dollari entro il 2030."

Ethereum

Ethereum è una criptovaluta molto nota, anzi potremmo dire la più famosa dopo Bitcoin. Nasce da una blockchain di tipo open source, completamente decentralizzata con precise e innovative funzionalità di smart contract. È stata creata da Vitalik Buterin nel 2015, il quale voleva realizzare una piattaforma che consentisse agli utenti di creare applicazioni senza interferenze da parte di terzi. Da allora, Ethereum è cresciuta fino a diventare una delle criptovalute più utilizzate al mondo.

Ripple XRP

Ripple XRP - una criptovaluta anch’essa costruita sulla tecnologia di registro distribuito nota come blockchain - è attualmente la sesta moneta per capitalizzazione di mercato, con un valore totale di 19,3 miliardi di dollari. Il suo caso d'uso principale sono i pagamenti internazionali tra istituzioni finanziarie, il che significa che il valore di Ripple è destinato a crescere con l'adozione della sua tecnologia da un numero sempre in aumento di istituti bancari.

Tuttavia, ci sono alcune differenze fondamentali tra XRP e le altre criptovalute: non viene estratta come Bitcoin o Ethereum; al contrario, tutti i 100 miliardi di monete sono stati creati in una sola volta nel 2013, quando è stata fondata la società.

Inoltre, a differenza della maggior parte degli altri token presenti su borse come Binance o Coinbase Pro (quest'ultima ha recentemente aggiunto il supporto per XRP), Ripple non è disponibile per l'acquisto direttamente dalle piattaforme di scambio, ma è stato venduto direttamente dalla società madre agli investitori attraverso pacchetti noti come "XRP II".

Cardano

Un'altra criptovaluta da tenere d'occhio è Cardano. Come molte altre criptovalute, il prezzo di Cardano è stato in oscillazione di recente. Tuttavia, a differenza delle altre, ha una capitalizzazione di mercato di appena 1 miliardo di dollari.

Questo la rende una delle poche criptovalute con buone possibilità di crescere significativamente in valore, soprattutto se si considera la crescita registrata nel 2017, quando la capitalizzazione di mercato del Bitcoin era inferiore a 100 miliardi di dollari.

Cardano è anche uno dei pochi progetti di criptovaluta che è stato effettivamente implementato in produzione da aziende importanti come De La Rue e Metaps Plus (una società coreana di pagamenti mobili).

Dall'analisi di Fxempire si prospetta:

"un futuro molto brillante per ADA, sia per quanto riguarda le prospettive di un aumento degli scambi (transazioni finanziarie) e sia del valore delle token". 

Ha anche una comunità molto attiva alle spalle che migliora costantemente le sue caratteristiche e si assicura di avere sviluppatori competenti che lavorano con loro. Tutti questi fattori mi fanno credere che Cardano sia ben posizionato per crescere in modo significativo nel tempo, anche se al momento potremmo essere vicini alla fine di questa fase di mercato toro.

Stellar

Che cos'è Stellar? Stellar è un protocollo decentralizzato che consente di inviare denaro a chiunque nel mondo, per frazioni di centesimo, istantaneamente e in qualsiasi valuta.

Stellar è open-source e no-profit. È stato lanciato da Jed McCaleb (il fondatore di Mt. Gox) nel 2014 come alternativa migliore al Bitcoin, ma in seguito si è separato da Ripple a causa di disaccordi tra le due parti. La differenza principale tra Bitcoin e Stellar è quest’ultima che utilizza un algoritmo di consenso chiamato SCP, acr.

Stellar Consensus Protocol. Questo algoritmo consente a tutti i nodi della rete di raggiungere il consenso su quali transazioni sono valide, assicurandosi che rimangano sempre online come fanno i sistemi di pagamento tradizionali.

NEO

La blockchain NEO è un progetto della nota classe di protocolli senza scopo di lucro basato sulla comunità. È soprannominata l'"Ethereum cinese" per l'uso simile dei contratti intelligenti, anche se presenta diversi approcci rispetto a Ethereum. Tra questi, tempi di transazione più rapidi e un approccio diverso al consenso che può consentire una migliore scalabilità.

La piattaforma è stata lanciata nel 2014 da Da Hongfei e Erik Zhang, due ex sviluppatori di Huobi (una delle più grandi borse di criptovalute cinesi).

L'ICO di NEO è iniziata il 1° ottobre 2017 e si è conclusa il 17 ottobre 2017; in breve tempo il progetto ha raccolto 4 milioni di dollari. Il 3 giugno 2018, Microsoft Azure ha annunciato il supporto per la distribuzione di blockchain personalizzate utilizzando Geth - il client Go utilizzato da Ethereum.

Monero

Monero è una criptovaluta, incentrata sulla privacy, che esiste dal 2014, ma è ancora una scelta eccellente per gli investitori. Originariamente si chiamava Bitmonero e poi è stata cambiata in Monero (che significa "moneta" in esperanto).

Monero è una delle numerose monete derivate da Bitcoin, il che significa che condivide gran parte della stessa base di codice. Si può pensare a Monero come a Litecoin: sono entrambi fork di Bitcoin, con alcune importanti differenze.

Sebbene esistano altre monete per la privacy (come Zcash o Dash), la più popolare è di gran lunga Monero perché è molto facile da usare e gode di un ampio supporto da parte degli exchange e dei portafogli. Queste caratteristiche la rendono appetibile ai nuovi utenti che vogliono acquistare criptovalute ma non hanno familiarità con l'uso di portafogli o piattaforme di trading come Binance o Coinbase.

Litecoin

Il Litecoin, attualmente la diciannovesima criptovaluta in termini di capitalizzazione di mercato, ha visto il suo valore aumentare di circa 10 volte solo poco tempo fa.

Cos'è il Litecoin?

Il Litecoin è stato fondato da Charlie Lee nell'ottobre 2011. All'inizio era molto simile al Bitcoin, ma da allora si è sviluppato in una valuta separata con una propria serie di caratteristiche e miglioramenti rispetto alla base di codice del Bitcoin.

Le principali differenze tra queste due criptovalute sono la maggiore velocità delle transazioni e le minori commissioni rispetto alla crypto madre.

Il tempo medio di blocco del litecoin registrato in passato era di circa 2 minuti, mentre quello del bitcoin era di 10 minuti, ma ci sono stati sensibili cambiamenti in fatto di velocità; ciò consente alle transazioni sulla rete di LTC di essere confermate più rapidamente rispetto alla rete ufficiale, il che può portare all'implementazione di casi d'uso con volumi più elevati utilizzando questa criptovaluta, come i pagamenti dei commercianti o i servizi di rimesse peer-to-peer (che sono molto utilizzati nel sud-est asiatico).

Inoltre, a differenza del BTC, dove tutti i 21 milioni di monete sono quasi già stati estratti dalla circolazione, senza lasciare spazio a un'ulteriore produzione o a un'inflazione del prezzo dovuta esclusivamente a fattori di domanda e offerta; ci sono ancora diversi milioni di LTC disponibili, poco più del 10% del totale.

Fino a quando tutti i blocchi non saranno estratti, sarà più facile per i futuri miners ottenere profitti attraverso l'estrazione mineraria, ma anche guadagnare interessi sulle loro proprietà, invece di lasciarle inattive come si potrebbe scegliere di fare, a patto che continuino a generare reddito da questa attività su base continuativa durante le ore di lavoro giornaliere, settimanali e mensili, anno dopo anno, fino a raggiungere l'età della pensione, dove si spera che siano stati risparmiati abbastanza fondi in precedenza. 

EOS

EOS è un sistema operativo decentralizzato basato su blockchain. È stato progettato per supportare applicazioni su scala industriale e ad alta densità che richiedono un'elaborazione rapida delle transazioni, ma anche la capacità di gestire un gran numero di utenti contemporaneamente. EOS è un software open source sviluppato da Block.one, una società esentata dalle Isole Cayman.

EOS utilizza la delegated proof-of-stake (DPoS), il che significa che i possessori di token possono votare i produttori di blocchi che convalidano le transazioni e creano blocchi sulla piattaforma EOS. Ci sono 21 produttori di blocchi eletti che guadagnano ricompense dalle commissioni di transazione generate dalla rete e dai token inflazionistici emessi dal meccanismo del tasso di inflazione di EOS.

L'offerta totale di token EOS è di 1 miliardo, con 900 milioni in circolazione dopo il periodo di ICO nel 2017 (una ICO è un'offerta iniziale di monete, o un evento in cui chiunque può acquistare monete cripto).

L’idea da cui prendere spunto: spero che salga

Per l'investitore medio, la cosa migliore è prendere spunto dall’idea di fondo: spero che salga. La volatilità dei prezzi delle criptovalute è ben nota e pubblicizzata. Sebbene vi siano certamente opportunità di guadagno negli investimenti in criptovalute, è più probabile perdere denaro se non si sa cosa si sta facendo.

Ad esempio, alcune persone hanno fatto il botto quando il Bitcoin è crollato nel 2018, ma molte altre hanno perso la pelle quando il mercato è andato a picco nello stesso anno.

In breve: se volete investire il vostro denaro in modo saggio e iniziare subito ad acquistare criptovalute, il mio consiglio è di iniziare con calma. Già siamo in un momento storico in cui si può dire di aver realmente testato se questa tecnologia funziona veramente o meno;  abbiamo visto proliferare sotto i nostri occhi visto applicazioni reali della tecnologia blockchain oltre al semplice utilizzo come unità di valuta (che rimane il suo uso principale al momento). Questo la dice lunga sulle eventuali prospettive d’investimento.