MicroStrategy di Michael Saylor ha acquistato altri 9.245 BTC per 623M di dollari

Gli investimenti di MicroStrategy in Bitcoin non si arrestano, come non si fermano nemmeno quelli nella prevendita della versione “verde”.

MicroStrategy di Michael Saylor ha ampliato la sua posizione in Bitcoin con l’acquisto di altri 9.245 BTC il 19 marzo. Questo acquisto porta il totale delle partecipazioni di MicroStrategy in Bitcoin a 214.246 BTC, che rappresenta l’1% dell’offerta massima di Bitcoin di 21 miliardi nel mercato. Ma gli investimenti in questi giorni sembrano inarrestabili, con quelli in Green Bitcoin che hanno portato la sua prevendita a quota 6,7 milioni di dollari.

MicroStrategy ora possiede più dell’1% di tutti i Bitcoin

MicroStrategy ha sfruttato il calo del Bitcoin a 63.000 dollari per accumulare altri BTC. L’acquisto è stato finanziato con i proventi dell’offerta di note senior convertibili al 0,875% in scadenza nel 2031 e un po’ di cassa in eccesso. Queste note, che ammontavano a un capitale aggregato di 603,75 milioni di dollari, hanno visto principalmente offerte private a compratori istituzionali qualificati secondo la Regola 144A del Securities Act 1933.

Nonostante l’acquisto, le azioni di MicroStrategy sono scese del 10,58% nel trading pre-market, con il prezzo che si aggira ora intorno a quota 1.336,99 dollari. Tuttavia, con l’accumulo sopra menzionato, l’azienda possiede ora 214.246 BTC accumulati per 7,5 miliardi di dollari ad un prezzo medio di 35.160 dollari per Bitcoin.

MicroStrategy ha dunque continuato a espandere le sue partecipazioni in Bitcoin nonostante la volatilità del mercato delle criptovalute. Questo dimostra la fiducia dell’azienda nel valore a lungo termine del Bitcoin. Inoltre, l’acquisto di MicroStrategy rappresenta ora più dell’1% di tutti i Bitcoin che esisteranno mai, sottolineando l’impegno dell’azienda nel settore delle criptovalute.

Infine, l’acquisto di MicroStrategy è avvenuto durante un calo del prezzo del Bitcoin, dimostrando la strategia dell’azienda di nota come “Buy the Dip” (comprare quando i prezzi scendono) per massimizzare i potenziali rendimenti. Un po’ come sta avvenendo con la prevendita di Green Bitcoin, in quanto oggi il token GBTC costa appena 1,1062 dollari.

La versione “verde” del BTC? Si chiama Green Bitcoin: ecco di cosa si tratta

5b27iQt4ZKeNIRgHrqXfZqgO1Me0N8WKHTMDbav647nk5UEAQlQ1RMgsm0NGjALmNz7 bh4ZFAeRlwF5bIkwOhpDRSmU0F4

Green Bitcoin (GBTC) è uno dei progetti emergenti più promettenti del momento. Ancorato alla solida eredità del Bitcoin e proiettato nel futuro grazie all’utilizzo della blockchain di Ethereum, GBTC si presenta come una soluzione avanzata che mira a conciliare le prestazioni finanziarie con la responsabilità ambientale.

Il token $GBTC vuole combinare l’accessibilità e la flessibilità di Ethereum con un consumo energetico drasticamente ridotto. Attraverso un sistema di staking e ricompense legate alle previsioni sul prezzo del Bitcoin, Green Bitcoin offre un approccio innovativo volto a incentivare la partecipazione della community e il rispetto delle politiche ambientali.

Ma quali sono le caratteristiche più promettenti di Green Bitcoin? Innanzitutto, GBTC si affida alla fiducia e alla stabilità del Bitcoin, da cui eredita diverse caratteristiche, tra cui una fornitura totale di 21 milioni di unità. A differenza di molti progetti emergenti, dove il numero di token coniati supera spesso il miliardo, Green Bitcoin ha una fornitura limitata che gli conferisce la giusta dose di scarsità, essenziale per aspirare a un prezzo unitario considerevole.

GBTC non replica in tutto e per tutto la criptovaluta di Satoshi Nakamoto, piuttosto sembra aver saputo trarre il meglio da diverse tecnologie, combinandole in modo eccellente. Il team di sviluppo di GBTC ha deciso di utilizzare la blockchain di Ethereum, per definizione meno costosa e più flessibile. L’adozione della catena ERC-20, insieme a un’offerta limitata e a un chiaro posizionamento a favore della sostenibilità, rende Green Bitcoin una criptovaluta fresca e con un alto potenziale di crescita.

In base ai dati raccolti, è chiaro che il potenziale di GBTC si esprimerà pienamente solo tra qualche anno. In ogni caso, la scarsità del token rappresenta uno dei principali punti a favore che hanno spinto i nostri analisti a valutare una serie di previsioni ampiamente rialziste.

Green Bitcoin è un progetto tra le criptovalute emergenti nato dalla sapiente combinazione di alcune delle migliori caratteristiche del mondo delle criptovalute e da un’attenzione lungimirante alle nuove tendenze del mercato. Grazie alla sua visione a favore dell’ambiente, il token potrebbe trovare un crescente supporto non solo da parte della community, già di per sé affiatata, ma anche da parte delle istituzioni che potrebbero valutarlo come token a basso impatto ambientale.

Non meno importante, GBTC ha un legame implicito con il Bitcoin. Se la prima criptovaluta per capitalizzazione di mercato dovesse continuare a crescere nel tempo, è molto probabile che il Green Bitcoin possa fare altrettanto.

VAI ALLA PREVENDITA DI GREEN BITCOIN

Redazione Trend-online.com
Redazione Trend-online.com
Di seguito gli articoli pubblicati dalla Redazione di Trend-online. Per conoscere i singoli autori visita la pagina Redazione Trend-online.com
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate