Nuovo Hub asiatico per criptovalute, Hong Kong punta tutto sul Web3

La Svizzera sta all'Europa come Hong Kong sta all'Asia quando parliamo di criptovalute, tramutando questa metropoli nella culla del Web3 orientale.

Hong Kong e le criptovalute

Mentre le criptovalute continuano a tenere i trader occupati, la Cina non sembra intenzionata a fare passi indietro.

Il nuovo fulcro asiatico delle criptovalute sembra invece essere diventata Hong Kong, la piccola metropoli piena di energia e progetti futuri. Soprattutto in ambito virtuale e digitale.

Sappiamo che la Cina continentale ha completamente vietato le crypto, ma Hong Kong è invece molto aperta alle nuove tecnologie finanziarie.

Dall'1° giugno, l'ex colonia britannica è divenuta un nuovo hub crypto dell'Asia orientale.

Cosa succede a Hong Kong?

Nuove regole e riforme pronte per abbracciare il mondo delle criptovalute. La Securities and Futures Commission (SFC) di Hong Kong ha ricevuto 152 contributi da professionisti del settore, società e partecipanti al mercato. L'agenzia ha infatti fornito linee guida complessivamente positive per i fornitori di servizi di asset virtuali (VASP).

In primis, i provider di servizi digitali devono eseguire controlli sui clienti in modo che i commercianti al dettaglio della Cina continentale vengano rifiutati.

Inoltre devono essere impostati limiti per i retail e le criptovalute quotate devono essere incluse in due indici separati, evidenziando i token con elevata liquidità e almeno un anno al loro attivo.

Le piattaforme senza licenza (protocolli DeFi) non sono autorizzate a fare pubblicità, anche se si tratta d'influencer dei social media. Oltre a queste condizioni di negoziazione al dettaglio, tutti gli altri requisiti di base applicano la segregazione delle risorse dei clienti, gli standard di sicurezza informatica sia per gli exchange che per la custodia delle risorse e la prevenzione dei conflitti di interesse.

Nel complesso, il capo del tesoro di Hong Kong, Christopher Hui, considera gli asset digitali assai positivi per adottare l'approccio della Cina continentale.

Per questa ragione il piccolo Stato è convinto di sposare apertamente le crypto. Ma attenzione: non è solo.

Emirati Arabi collaborano con Hong Kong

La banca centrale degli Emirati Arabi Uniti si è impegnata martedì a espandere la cooperazione con la sua controparte di Hong Kong, promuovendo i crescenti legami del Paese con la Cina.

La Banca centrale degli Emirati Arabi Uniti (UAE) e l'Autorità monetaria di Hong Kong hanno tenuto l'incontro ad Abu Dhabi.

I due hanno affermato che formeranno un "gruppo di lavoro congiunto" e hanno concordato di rafforzare la cooperazione relativa all'infrastruttura finanziaria, alla connettività del mercato finanziario tra gli Emirati Arabi Uniti e Hong Kong e alla regolamentazione delle attività crittografiche.

Le due grandi realtà hanno anche ammesso di avere facilitato le discussioni tra l'Innovation Hub negli Emirati Arabi Uniti e la sua controparte di Hong Kong, Innovation Hub@HK , su fintech e scambi di conoscenze, tutto a favore dello sviluppo, adesso soprattutto nel settore degli asset digitali.

Innovation Hub@HK è stato istituito dal governo di Hong Kong nel 2022 per mostrare la ricerca della città relativa a scienza, tecnologia e altro ancora. L'Innovation Hub degli Emirati Arabi Uniti è una partnership con Google che forma i giovani alla tecnologia ed è stata lanciata nel 2018.

Società criptovalute puntano su Hong Kong

Le società impegnate nel Web3 si stanno letteralmente precipitando su HK.

Huobi ha annunciato il suo piano questo 26 maggio per lanciare Huobi HK, con l'obiettivo di plasmare l'hub Web3 di Hong Kong. La società ha citato i suoi contributi all'Hong Kong Web3 Carnival di quest'anno come il primo fondo dell'ecosistema Web3.

Ancora più grande di Huobi, OKX è al sesto posto per volume globale di scambi con criptovalute. Per conformarsi al nuovo regime di Hong Kong, l'exchange aggiornerà la sua app OKX, offrendo 16 migliori crypto per il trading spot.

Un altro scambio, CoinEx, originario di Hong Kong, lancerà BitHK. In particolare, Gate.io e BitMEX hanno anche annunciato le applicazioni HK VASP.

Anche la più grande banca digitale di Hong Kong, ZA Bank, avrà un approccio più ampio. In collaborazione con Venture Smart Financial Holdings (VSFG), Boston Consulting Group (BSG), HKT Payments Limited, Paywith.glass e altri, ZA Bank farà parte dell'iniziativa del programma pilota e-HKD di Hong Kong.

Questo programma è al centro della trasformazione FinTech e Web3 di Hong Kong, promuovendo uno stretto rapporto tra il governo, le imprese e il mondo accademico con le criptovalute. Ciò include l'esplorazione di un CBDC al dettaglio.

È interessante notare che ZA Bank è una filiale della società statale cinese della Groenlandia e che ha richiesto la nuova licenza HK VASP, il che dimostra come la Cina sostenga l'avventura di Hong Kong con gli asset digitali al dettaglio.

Hub criptovalute asiatico: Hong Kong

L'Hong Kong Securities Futures Commission (SFC) che dovrebbe annunciare le linee guida definitive per le licenze degli exchange di criptovalute il mese prossimo.

Le nuove regole consentiranno agli investitori al dettaglio di scambiare token importanti come Bitcoin, sempre più prossimo al rally, ed Ethereum, motore dell'intero Web3, con il regime in vigore dall'1 giugno.

L'SFC ha annunciato di avere in serbo molti altri piani per il futuro, ma ha deciso di tenerli per sé al momento.

In conclusione, mentre l'operazione Chokepoint 2.0 rende incerto il futuro delle risorse digitali americane, le piccole nazioni stanno andando avanti, scrivendo il futuro delle criptovalute mentre i grandi fanno la guerra.