Facebook nasce ufficialmente il 4 febbraio 2004. Questo social network ha più di 15 anni e tra poco raggiungerà i 20. 

In realtà, in Italia approda ben 4 anni dopo, nel 2008. In soli 3 mesi conta più di un milione e trecento mila visite. 

Il successo di Facebook è velocizzino e soprattutto duraturo. Ancora oggi, è in prima posizione tra i social network più utilizzati al mondo. 

Nonostante ci siano altre piattaforme altrettanto utilizzate e che sembrano riuscire a coinvolgere maggiormente gli utenti. Facebook rimane comunque sul podio. 

Tra alti e bassi, utilizzare Facebook per promuovere la propria professione o la propria azienda resta ancora un’attività proficua e redditizia, ma solo se fatta bene!

Dopo aver visto perché utile pubblicare su Facebook, è fondamentale anche sapere come farlo! Qui di seguito tutti i consigli per l’impostazione del proprio piano editoriale ma, soprattutto, per la scrittura di un post su Facebook.

Facebook: come nasce? Un po’ di storia! 

I social network nascono come piattaforme virtuali per mettere a contatto le persone e, generalmente, i giovani. Facebook nasce proprio dall’idea di uno studente universitario. Spiega digital-coach.it:

“Tutto iniziò il 28 ottobre 2003, quando il diciannovenne studente di Harvard Mark Zuckerberg diede vita a Facemash. L’idea era quella di creare un sito dove caricare tutte le foto degli studenti del college e per farlo fu necessario introdursi in aree protette della rete universitaria. Facemash registrò 22.000 fotografie visualizzate e più di 450 visitatori nelle prime ore e il sovraccarico di dati mandò in crash i server dell’università. Il sito venne quindi chiuso e Mark accusato di aver violato la sicurezza, i copyright e la privacy individuale, con conseguente sospensione per 6 mesi.” 

Inizio rocambolesco per il social network che diventò presto la piattaforma digital più usata al mondo. E se hai maggiore curiosità di scoprire tutti i retroscena, nel 2010 è uscito il film dedicato diretto da David Fincher: The Social Network. Di cui qui di seguito il trailer direttamente dal canale Sony Pictures Entertainment:

L’ascesa di Facebook è immediata e ad oggi rappresenta un’impresa digitale tra le più grandi al mondo. 

Nonostante la concorrenza si sia fatta accanita, negli anni, Facebook resta ancora sul podio dei social network più utilizzati e continua ad ampliare il suo dominio grazie all’azienda che ne è proprietaria.  

Mark Zuckerberg, infatti, ad oggi possiede Facebook, Instagram e Whatsapp. Ovvero le applicazioni di contatto sociale più diffuse. 

Cosa pubblicare su Facebook? 

Non è facile imbarcarsi nell’impresa di creare una pagina Facebook attiva e di successo. Che sia la tua personale o quella aziendale è necessario un piano editoriale che metta su carta la programmazione dei post da pubblicare. 

Cosa inserire nel piano editoriale? Questo dipende molto da cosa ti occupi e quale messaggio vuoi passare agli utenti di Facebook. 

Sicuramente, l’elemento fondamenta è “originalità”. Ormai sui social c’è di tutto e di più, e per farsi notare è necessario proporre qualcosa di nuovo e mai visto. 

Altro elemento importante è l’emozione. Ovvero, il tuo obiettivo deve essere quello di divertire e incuriosire gli utenti di Facebook. Solo così avrai la loro attenzione e potrai comunicargli il tuo messaggio. 

Con queste informazioni puoi sicuramente iniziare ad impostare il tuo piano editoriale. Ma all’atto pratico, cosa pubblicare su Facebook? 

Come sicuramente sai sono molteplici i contenuti digitali che possono essere pubblicati sul social network di Mark Zuckerberg. 

Video, foto, articoli, post. Come anticipato, il tutto dipende da ciò di cui ti occupi. 

Spiega tourtools.it che i contenuti digitali che generano più interazioni sono: anteprima prodotti, video, dietro le quinte, articolo blog, rubriche ricorrenti, testimonianze reali, consigli, sondaggi, giochi, offerte speciali. 

Non tutti questi contenuti digitali possono fare al caso tuo ma, sicuramente, tra questi puoi trovare spunto. 

Una volta definito ciò che vuoi pubblicare, ricordati che deve essere preceduto da un breve testo introduttivo! Ecco come scriverlo. 

Descrizione del contenuto digitale pubblicato su Facebook 

Indipendentemente dal contenuto digitale che decidi di pubblicare su Facebook, esso dovrà sempre essere accompagnato da un’introduzione. 

Sostanzialmente stiamo parlando del testo che precede la foto, il video o il documento pubblicato. 

Ma banalmente possiamo anche riferisci al mero post testuale. 

La domanda non cambia: come scrivere in modo efficace su Facebook? Ecco 6 consigli! 

1. Tono colloquiale: ogni social network ha le sue regole. A parte LinkedIn che è usato per scopi professionali, tutti gli altri hanno mediamente un tono leggero e amichevole. Devi coinvolgere il tuo potenziale lettore come fosse tuo amico, non un tuo cliente! Consiglia aranzulla.it

“Cerca, dunque, di evitare espressioni troppo formali e/o costruite: è molto meglio usare un linguaggio amichevole, colloquiale e “giovane”.” 

2. Sii sintetico e semplice: durante il regolare scrolling degli utenti su tutti i social network ha davvero poco tempo, a volte frazioni di secondi, per catturare l’attenzione del tuo potenziale lettore. Ecco perché devi mostrare il vantaggio in maniera immediata. Sii sintetico e semplice. Riassumi nel minor numero di caratteri possibile il tuo concetto senza utilizzare parole complesse o sconosciute ai più. Potrebbe sembrare banale ma anche la grammatica, ortografia e sintassi sono fondamentali per trasmettere fiducia; 

3. Call to action: alla base di qualsiasi strategia di copywriting, la call to action, ovvero l’invito all’azione, è sempre un must have. La parola chiave è “coinvolgere i tuoi utenti”. Oltre alle classiche CTA che invitano alla lettura, a commentare o al click, puoi anche porre domande interessanti oppure sondaggi. L’obiettivo è quello di far interagire il tuo target con il tuo post! Spiega aranzulla.it

“Questa cosa, infatti, innescherà un meccanismo nella mente degli utenti, che li incentiverà a dire la loro con un like, una reaction o un commento.” 

4. Hashtag giusti: ci sono teorie contrastanti sull’efficacia ed efficienza degli hashtag su Facebook. Di sicuro non penalizzano il tuo post! Si invita ad utilizzarli con parsimonia e coerenza. In particolare, è fondamentale che permettano a Facebook di etichettare il tuo contenuto correttamente al fine di mostrarlo al tuo target reale e contribuire ad aumentare la potenziale visibilità; 

5. Emoticon: attirare l’attenzione degli utenti di Facebook è il tuo obiettivo e le emoticon possono aiutarti in questo. Perché? L’aspetto visivo arriva molto prima di quello testuale e pertanto hai l’opportunità di catturare l’attenzione del tuo potenziale lettore proprio grazie ad un’emoticon. Sono un ottimo modo per interrompere il testo e renderlo più attuale e dinamico. Ovviamente, questa deve essere coerente con il tuo contenuto ma, soprattutto, scatenare una reazione emotiva che, più di tutte, incentiva la conversione. Conferma netsocialize.it

“… vari test confermano che un post contente le emoticon è in grado di attirare l’attenzione degli utenti molto di più rispetto ad uno che ne è privo.” 

6. Leggilo: potrà sembrare banale ma tu sei il tuo primo utente. Quindi, una volta impostato il tuo testo, prima di pubblicarlo, fermati un attimo e leggilo. Ti convince? Può essere migliorato? Colpisce la tua attenzione? Solo quando la risposta a tutte queste tre domante sarà positiva, il tuo post sarà davvero pronto per essere pubblicato!

In conclusione: cosa e come pubblicare su Facebook? 

Il processo decisionale che porta a pubblicare un post su Facebook, che sia un video, una foto o un testo, non è così semplice come appare.  

Soprattutto se vuoi ottenere dei risultati ben specifici! 

In questo articolo sono esposte alcuni dei punti più significativi che possono aiutarti ad orientarti in questo settore. 

Ma per darti un ulteriore supporto, ecco il video di Davide Armari che ti spiega come creare un post perfetto in 6 semplici passi

Questo video, oltre a spiegarti a livello pratico come pubblicare su Facebook, ti permette di studiare il tuo piano editoriale dall’inizio. 

In primis analizzare il tuo pubblico per studiare un testo adeguato a colpire proprio il tuo utente target. 

Il post deve informare e quindi deve trasmettere delle nozioni per risultare interessante. 

L’aspetto visivo è fondamentale! Sia nella scelta delle immagini che accompagnano il tuo testo ma anche con delle emoji. 

Invita ad interagire! Questo ha degli effetti positivi sia sul tuo obiettivo di raggiungere il tuo target, sia al fine di aumentare la visibilità del tuo post su Facebook. 

Con tutte queste informazioni sei pronto a pubblicare! E se ti stai chiedendo quando pubblicare, le fasce più redditizie sono quelle derivanti dal report degli insight della tua pagina Facebook, ma se sei agli inizi, gli orari più gettonati sono quelli scadenziate dai turni lavorativi: mattino prima di iniziare, pausa pranzo, tardo pomeriggio/prima serata dopo il lavoro.