Affitto breve, quale contratto scegliere? Differenza tra locazioni brevi e transitorie

Diverse esigenze possono portare alla scelta di locazioni di breve periodo. Quale contratto scegliere? Locazioni brevi o transitorie? Le differenze.

Diverse ragioni possono portare al trasferimento in un’altra città per brevi periodi. Si pensi a motivi di studio, come una ricerca per la tesi di laurea, oppure di lavoro, per lo svolgimento di alcune mansioni. In questi casi, più che alloggiare un albergo o in un b&b potrebbe essere utile stipulare un contratto di locazione breve o transitoria.

Le locazioni brevi e transitorie sono le soluzioni temporanee più adatte a situazioni di questo tipo. Ma in caso di locazione breve quale contratto si deve scegliere?

Nel testo andremo a fare chiarezza sull’argomento, spiegando quali sono le condizioni per stipulare un contratto di locazione di questo tipo, come si determina il canone di locazione, la sua durata massima e se è necessaria la registrazione all’Agenzia delle entrate.

Quali sono le caratteristiche dell’affitto breve

Può capitare di doversi trasferire in un’altra città per brevi periodi di tempo. Per tutti coloro con esigenze di questo tipo, dovute per studio, lavoro e per altri motivi, è stato introdotto il contratto di affitto breve e il contratto di locazione ad uso transitorio.

Si tratta di formule pensate proprio per chi cerca una soluzione abitativa a breve termine. Chi ha la necessità di contratti per brevi periodi può optare per il contratto d’affitto breve e il contratto di affitto transitorio.

La differenza sostanziale tra gli affitti brevi o temporanei dagli affitti tradizionali sta proprio nella durata: in entrambi i casi è possibile affittare un immobile per periodi molti limitati di tempo. Inoltre, è necessario il rispetto di pochi requisiti.

Differenze contratto d’affitto breve e transitorio

Sia il contratto d’affitto breve che quello transitorio sono adatti a chi cerca una soluzione abitativa per limitati periodi di tempo. Tra di loro, però, ci sono alcune differenze.

Nel caso dell’affitto breve la permanenza non può superare i 30 giorni. Viene utilizzato molto per le locazioni turistiche. Si tratta di una formula molto interessante e largamente utilizzata.

Al contrario, nel caso del contratto d’affitto transitorio, la permanenza può durante anche oltre i 30 giorni, ma deve essere inferiore a 18 mesi. In questo caso è necessaria la registrazione all’Agenzia delle entrate.

Requisiti e condizioni per stipulare un contratto d’affitto transitorio

Soffermiamoci, nello specifico, sul contratto di affitto ad uso transitorio. Un requisito fondamentale è la sussistenza di una esigenza transitoria, la quale deve essere necessariamente documentabile.

Il locatore oppure il conduttore devono indicare quale sia l’esigenza transitoria, allegando al contratto l’apposita documentazione che ne dimostri la sussistenza.

Quali sono le esigenze transitorie per locatore e conduttore? Nel caso del proprietario, le esigenze transitorie sono le seguenti:

  • Il trasferimento temporaneo della sede di lavoro;

  • Il rientro dall’estero;

  • L’attesa della concessione edilizia o dell’autorizzazione da parte del Comune per la ristrutturazione;

  • La demolizione dell’immobile.

Nel caso del conduttore, le esigenze transitorie sono le seguenti:

  • Il trasferimento momentaneo della sede di lavoro;

  • Un contratto di lavoro a tempo determinato in un Comune diverso da quello di residenza;

  • L’assegnazione di un alloggio di edilizia pubblica;

  • L’acquisto in cooperativa o presso privati di un immobile che si rende disponibile entro 18 mesi.

Per avere validità, il contratto deve essere predisposto utilizzando il modello ministeriale predefinito. Se, inoltre, non vengono specificate le ragioni dell’esigenza della locazione transitoria, allora il contratto diventerà automaticamente di tipo ordinario.

Bisogna sapere, infine, che esiste anche un tipo di contratto transitorio specifico per gli studenti universitari fuorisede. Si tratta di una particolare locazione che ha una durata compresa tra i 6 mesi e i 3 anni e può essere rinnovato automaticamente.

Inoltre, è prevista anche una detrazione ai fini Irpef del 19%, calcolata su una spesa massima di 2.633 euro, a patto però che l’ateneo sia distante almeno 100 chilometri dalla residenza dello studente e che l’immobile oggetto della locazione sia ubicato nella città sede dell’università o in un comune limitrofo.

Il conduttore può disdire il contratto, con un preavviso di 1 o di 3 mesi prima della scadenza della locazione.

Durata e canone di locazione

Come abbiamo anticipato, il contratto di affitto breve ha durata massima di 30 giorni e viene utilizzato prevalentemente in ambito turistico.

Per quanto riguarda, invece, i contratti transitori, la durata massima del contratto è fino a 18 mesi e la durata minima a 30 giorni.

Come si determina il canone per un affitto transitorio? Se il contratto ha una durata pari a 30 giorni, il canone viene determinato liberamente dalle parti senza rispettare vicoli legali.

Per quanto riguarda gli altri contratti di affitto di immobili situati in Comuni con più di 10.000 abitanti, le parti possono determinare il canone da versare all’interno di valori minimi e massimi stabiliti per fasce, con una variazione fino al 20%, solo in caso di particolari esigenze.

Leggi anche: È stretta sugli affitti brevi: ecco cosa cambia e chi pagherà di più

Sara Bellanza
Sara Bellanza
Aspirante storica contemporaneista, classe 1995.Amante della lettura e della scrittura sin dalla tenera età, ho una laurea triennale in Filosofia e Storia e una laurea magistrale in Scienze Storiche, conseguite entrambe presso l’Università della Calabria. Sono autrice di alcune pubblicazioni scientifiche inerenti alla storia contemporanea e alla filosofia: "L'insostenibile leggerezza della storia" e "L’insufficienza del linguaggio metafisico" per la rivista "Filosofi(e)Semiotiche", e "Il movimento comunista nel cosentino" per la "Rivista Calabrese di Storia del '900".Nonostante la formazione prettamente umanistica, la mia curiosità mi ha spinto a conoscere e a informarmi sugli ambiti più disparati. Leggo, scrivo e fotografo, nella speranza di riuscire a raccontare il mondo così come lo vedo io.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
774FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate