Allarme bollette, i condomini rischiano il distacco di luce e gas. 5 modi per difendersi

C’è il rischio concreto che molti condomini possano restare la freddo e al buio questo inverno. Le associazioni di categoria lanciano l'allarme: alcuni fornitori vogliono staccare le utenze per rischio morosità.

Image

Per i condomini potrebbe essere un inverno all’insegna delle difficoltà, non solo per i rincari dovuti all’inflazione ma anche per il possibile distacco delle forniture. Secondo alcune associazioni di categoria, nello specifico Consumerismo No profit, l’interruzione della fortuna di gas e luce potrebbe non essere una ipotesi lontana. L’allarme è stato lanciato dagli amministratori di condominio di tutta Italia; le quote di riscaldamento potrebbero salire vertiginosamente e alcuni gestori chiedono l'integrazione delle garanzie fino a 30.000 euro per ciascun condominio. C’è da preoccuparsi davvero?

Allarme bollette autunno/inverno: ecco perché si rischia il distacco di luce e gas

In molti casi potrebbe non bastare abbassare la temperatura dei termosifoni e installare i contatori intelligenti. Questa la denuncia di Consumerismo No Profit che ha raccolto le richieste di aiuto da parte di molteplici amministratori di condominio. I problemi principali sono due:

  • il rischio di morosità spinge alcuni fornitori ad interrompere i contratti in essere;
  • l’incertezza di ricevere i pagamenti spinge i gestori a chiedere l'integrazione delle garanzie, fino a 30.000 euro per condomini con 20 unità immobiliari.

I rincari sul prezzo delle bollette sono noti a tutti, tuttavia per i condomini la nota dolente arriverà alla presentazione del consuntivo da parte degli amministratori, e allora potrebbe essere troppo tardi per "aggiustare i bilanci familiari" e versare quanto dovuto. A ciò si aggiunge il fatto che alcuni operatori in difficoltà hanno deciso di recedere anticipatamente dai contratti per evitare il default definitivo nei mesi invernali.

Leggi anche: Multa salatissima per chi non abbassa i termosifoni in condominio: scattano le sanzioni

5 modi per difendersi dal distacco di luce e gas. La guida per gli amministratori di condominio

Gli amministratori di condominio sono chiamati a prendere in mano la situazione, monitorare i consumi e ammonire i condomini che non rispettano le misure anti spreco promosse dal Governo. Possono farlo controllando i singoli contatori, questo inverno infatti si prevede una pioggia di multe salate per i “furbetti” che non rispetteranno le fasce orarie indicate dall’UE e ogni altra misura per razionare il gas.

Ecco 5 modi con cui gli amministratore di condominio possono evitare il distacco delle forniture, garantendo una temperatura accettabile all’interno delle abitazioni:

  • ricercare sul mercato fornitori più convenienti che non chiedano garanzie aggiuntive;
  • promuovere il risparmio energetico con accorgimenti ulteriori rispetto a quelli già indicati dal governo (docce più brevi e temperatura interna più bassa);
  • suggerire l'installazione di fonti di energia rinnovabile, come i pannelli solari sul tetto;
  • verificare i contratti in essere ed eventuali scadenze e clausole.