Manca sempre meno all'inizio della scuola e piccoli e giovani si godono gli ultimi giorni di relax e tempo libero prima di varcare la porta della propria classe. Molti si chiedono come sarà questo nuovo anno scolastico visto la situazione riguardo al Covid-19.
 
Tutte le Regioni hanno pubblicato il calendario scolastico 2021-2022, con le date di inizio e fine e le varie pause per le festività. Per ognuna il primo giorno è diverso, ma indicativamente entro metà settembre tutti gli studenti saranno tornati tra i banchi di scuola.
 
Gli studenti, i genitori e gli insegnanti sperano che vada meglio e che non bisogna tornare a seguire le lezioni attraverso un pc o tablet nella propria abitazione, la didattica a distanza è stata di grande aiuto per questi due anni particolari, ma adesso è il momento di tornare alla normalità. 
 
Così mentre i docenti si preparano a cambiare scuola a seconda del posto in graduatoria, chi saluta i suoi ex alunni e chi non vede l'ora di conoscere nuove classi, c'è qualche studente che sta organizzando il materiale scolastico. 
 
Astuccio, diario, penne, matite, quaderni e poi? I libri, una delle cose più importanti per affrontare un nuovo anno scolastico al meglio. Allora, non ci resta che parlarvi del bonus scuola, in particolare dell'incentivo economico da parte del governo sull'acquisto di libri per l'anno 2021-2022.

Bonus scuola: chi può usufruirne e in che modo?

La scuola è da sempre un argomento rilevante sia per gli studenti che per gli insegnanti che ogni anno hanno la possibilità di usufruire di aiuti da parte del governo, in particolare dal Ministero dell'Istruzione, di quello dell'Università e della Ricerca e delle Regioni. 

Esistono diversi sostegni come la borsa di studio per gli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado, quelli degli Istituti tecnici superiori e gli iscritti ad un corso universitario. Questo perché come afferma la legge in merito al diritto di studio,  diritto soggettivo che trova il suo fondamento nei comma 3 
 
E' compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.
 
Un altro bonus è la Carta docente, si tratta di un incentivo che è stato confermato con l'approvazione della Legge Bilancio 2021 che prevede un importo di 500 euro da donare agli insegnanti, ma solo a coloro che possiedono determinati requisiti.
 
Innanzitutto potranno fare richiesta solo coloro che hanno un contratto a tempo indeterminato che sia part time o full time.  Inoltre il voucher è valido per i docenti delle scuole elementari, medie e superiori e per le università.
 
Il contributo ha una valenza di due anni e i professori che otterranno l'aiuto potranno utilizzarlo per corsi di aggiornamento, acquisti di  libri e riviste sia in formato elettronico che cartaceo, hardware e software, pagamento delle tasse per corsi universitari o post-universitari, biglietti per cinema, teatro e concerti. Con l'avvento del Covid-19 il voucher è valido anche per acquistare tablet o pc utili per la didattica a distanza. 

Bonus scuola: come risparmiare sui libri

Un bonus di particolare importanza riguarda il voucher libri. Si tratta di un aiuto utile all'acquisto del materiale didattico per tutti gli studenti che presentano determinati requisiti. Ogni anno l'inizio della scuola comporta anche la spesa del materiale scolastico che prevede non solo quaderni, astuccio, diario e penne ma anche e soprattutto i libri di testo di fondamentale rilevanza per sapere e conoscere.
Così le singole Regioni mettono a disposizione un incentivo per gli studenti che hanno una situazione economica poca agiata provata dall'Isee in corso di validità. Il bonus libri è una copertura gratuita, totale e parziale valida per l'anno scolastico 2021-2022. 
 
Attualmente le Regioni che hanno pubblicato il bando riguardo a tale bonus sono: Lazio, Emilia Romagna, Veneto, Campania, Piemonte, Lombardia, Puglia e Toscana. 

Bonus scuola libri: il bando della Regione Lazio

La Regione Lazio è stata la prima ad aver pubblicato il bando del concorso riguardo al bonus libri 2021-2022. Il documento, con determinazione n.G07232 del 14/06/2021, riporta che
Gli studenti che frequentano istituti di istruzione secondaria di I e II grado, statali e paritari, per l’anno scolastico 2021-2022, secondo quanto riconosciuto dai singoli comuni, possono fare richiesta del voucher. La Regione ha incluso un bonus a tutti coloro con un Isee inferiore o pari a  15.493,71€.
La domanda va presentata al Comune di appartenenza facendo riferimento ai tempi stabiliti dalla giunta comunale. Secondo quanto si legge su www.donnesulweb.it 
Il totale della somma messa a disposizione dalla regione ammonta a 9,415 milioni di euro, da ripartire proporzionalmente in base alle al numero delle domande ritenute ammissibili dalle amministrazioni comunali.
Con tale voucher gli studenti potranno essere rimborsati per l'acquisto di libri di testo, sia cartacei che digitali, i dizionari e i libri di narrativa anche in lingua straniera consigliati dalle scuole; sussidi didattici digitali e tra questi rientrano anche software ad uso scolastico o pc portatili.
 
Per la fare la richiesta i diretti interessati dovranno allegare i documenti che attestano la spesa effettuata, anche se si tratta di acquisti online, basta che siano dotati di fatture. Sul sito della Regione Lazio potrete trovare tutte le indicazioni dettagliate. 

Bonus scuola libri : il bando della Regione Emilia Romagna

Il bando dell'Emilia Romagna è stato pubblicato ma non è ancora possibile fare richiesta. Secondo quanto riporta il sito della Regioneil concorso aprirà il prossimo 6 settembre e chiuderà il 26 ottobre 2021.  Qui sono previste due fasce di reddito: da 0 a 10.632,94€ la prima, mentre la seconda è fino a 15.748,78€. 
 
Chi rientra nella prima ha la priorità e potrà usufruirne con certezza, invece chi fa parte della seconda potrebbe rientrare tra i vincitori solo in un secondo momento, a seconda del numero di richieste presentate. 
 
A differenza della Regione Lazio, i residenti in Emilia Romagna non dovranno allegare nella domanda i documenti della spesa effettuata ma solo la copia del documento d'identità e la dichiarazione Isee in corso di validità.

Bonus scuola libri: il bando della Regione Veneto 

Anche la Regione Veneto ha pubblicato informazioni utili riguardo al rimborso di libri per gli studenti. Le richieste del bonus libri  potranno essere inoltrate a partire dal 16 settembre 2021 fino al 22 ottobre entro le ore 12. Anche in questo caso, i diretti interessati dovranno presentare la domanda online o presso uno degli sportelli comunali a disposizione. 
 
Potranno usufruirne solo i residenti in Veneto e coloro che possiedono un Isee 2021 inferiore ai 18000 euro. Ci sono due fasce, la prima va da 0 a 10632,94 euro e l'altra fino al limite massimo previsto. Secondo quanto riporta Skuola.net 
 A differenza di altre regioni sono esclusi gli acquisti per attrezzature e digitali e tecnologiche. Non si potranno inoltre ottenere rimborsi per le spese riguardanti l'acquisto di dizionari, strumenti musicali, materiale da cancelleria. 
Per conoscere ulteriori dettagli, i cittadini potranno trovare tutte le informazioni utili sul sito www.regioneveneto.it

Bonus scuola libri: il bando della Regione Campania

Il bonus scuola sui libri nella Regione Campania può essere richiesto da coloro che presentano un Isee 2021 che non superi i 13.300 euro.  Anche in questo caso sono previste due fasce, la prima va da 0 a 10.633 e la seconda dai 10.000 ai tetto massimo scelto dalla Regione. 
 
Come succede in Emilia Romagna, anche qui chi rientra nella prima fascia sarà privilegiato rispetto a chi è in seconda, questi ultimi dovranno attendere a seconda delle risorse disponibili. Tutto dipende dal numero di richieste presentate entro il termine stabilito.
 
La data ultima per inviare la domanda viene scelta dai singoli comuni, ma la Regione ha deciso che nessuno dovrà andare oltre il 15 ottobre 2021.
 
I documenti utili per la richiesta, che può avvenire in internet o presso gli uffici comunali, sono: la copia del documento d'identità e certificazione Isee in corso di validità. Maggiori informazioni sono sul sito della Regione Campania.

Bonus scuola libri: le altre Regioni

Per alcune Regioni il bando è già scaduto e le richieste non possono più essere inviate. Si tratta della Lombardia con scadenza il 15 giugno 2021, Piemonte, Puglia con il termine ultimo previsto per il 20 giugno 2021 e Toscana a giugno. 
 
La Regione del Piemonte ha stabilito che la validità del voucher anche per l'acquisto di materiale didattico generale e strumenti tecnologici utili per la scuola, soprattutto in relazione alla situazione Covid e ad una possibile didattica a distanza. 
 
Per quanto riguarda, invece, Liguria, Marche, Umbria, Basilicata, Molise, Abruzzo, Sardegna e Sicilia, non sono ancora stati pubblicati concorsi sul bonus scuola e in particolare sul voucher dei libri. 
 
A quanto pare i cittadini dovranno attendere ancora un po' per avere informazioni utili riguardo al bando, in Friuli Venezia Giulia invece spetta direttamente ai singoli Comuni la scelta.