Mutuo: le 2 garanzie più richieste dalla banca

Ottenere il mutuo dalla banca non è semplice. Scopri quali garanzie potrebbero aiutarti a ottenerne uno.

Image

Il mutuo è un passaggio obbligatorio per le giovani coppie che, entrate da pochi anni nel mondo del lavoro, decidono di acquistare casa. Si tratta di un valido aiuto anche nel caso in cui si debba effettuare una ristrutturazione. Però è molto importante, per chi intende compiere un passo così importante, prendere una decisione consapevole. Bisogna quindi conoscere quali sono le garanzie richieste dalla banca.

Capiamo insieme qual è il sistema di rateizzazione più adatto alle proprie disponibilità economiche. Per farlo bisogna effettuare la comparazione di varie proposte. Dopo aver individuato il mutuo che fa al proprio caso si può procedere con l’avvio della pratica. In quest’ultima fase si deve dimostrare al futuro creditore di essere in possesso dei requisiti necessari. Scopriamoli nel dettaglio di alcuni casi specifici.

Garanzie mutuo: cos’è l’ipoteca sull’immobile

Tra le garanzie bancarie, necessarie per ottenere il mutuo, la più comune è l’ipoteca sull’immobile acquistato. Si tratta di un’ipoteca di primo grado su una casa o appartamento oggetto dell’acquisto oppure della ristrutturazione. Ciò significa che la casa ipotecata può essere utilizzata dal proprietario ma, solo in caso di insolvenza, può essere rilevata dalla banca.

Può però accadere che il valore dell’immobile non sia sufficiente a ottenere il mutuo. In tal caso la Banca potrebbe ritenere necessaria l’iscrizione di un altro bene immobiliare.

Solitamente l’ipoteca riguarda direttamente il proprietario dell’immobile. Solo in casi eccezionali può accadere che l’ipoteca sia data in prestato da un terzo soggetto.

L’ipoteca comprende 4 elementi indispensabili:

titolo, si tratta del documento che giustifica l’ottenimento dell’ipoteca;

iscrizione;

bene immobile;

credito da garantire.

Questo processo si realizza con l’iscrizione nei registri immobiliari pubblici. Mentre l’estinzione avviene in modo automatico dopo 20 anni.

Garanzie mutuo: cos’è la Fideiussione

Oltre all’ipoteca si può ricorrere ad altre garanzie per ottenere il mutuo. Infatti nel contratto di finanziamento sono previste altre garanzie aggiuntive di tipo reale oppure personale. Si tratta della fideiussione e del pegno.

Soffermiamoci sul caso specifico della fideiussione. Si ha quando un terzo soggetto, detto garante, si obbliga in prima persona verso la banca. Pertanto il garante stringe un accordo scritto con il debitore e un rapporto con il creditore.

Quale soggetto può coprire il ruolo di garante?

Il garante ha un ruolo di rilievo perché s’impegna a pagare il debito se il mutuatario si rivelasse insolvente. Ciò è sufficiente a capire che non tutti possono proporsi e impegnarsi come garanti di un mutuo ma, piuttosto, bisogna dare delle garanzie valide per ottenere il mutuo prima casa “Under 36”. Per questo la banca effettua alcuni controlli in via preventiva. In questo modo potrà verificare, nel rispetto delle proprie politiche creditizie, che il possibile garante sia in possesso dei seguenti requisiti:

- patrimoniale;

- reddituale;

- anagrafico.

Soltanto in caso di esito positivo la banca accetta di concedere una fideiussione del mutuo. Bisogna inoltre capire se la banca come ad esempio Generali guarda oltre.