Sia che si tratti del primo cucciolo di cane che si adotta o che si sia già rodati in materia di cani, molto spesso si ignorano delle semplici quanto importantissime regole. Una di queste consiste nel possedere regolarmente una museruola per il proprio cane. Molti padroni di cani non solo non la posseggono ma non ne trovano l’utilizzo e - forse - ignorano i rischi che questa loro avventatezza può generare.

La museruola per cani è infatti obbligatoria in molteplici situazioni e luoghi e le sanzioni per la mancanza della stessa possono cambiare da Regione a Regione e da Comune a Comune.

Che cos'è la museruola per cani e di che tipologie esistono?

Prima di tutto urge capire in cosa consista precisamente la museruola. Essa non è altro che un accessorio per cani che diventa necessario e obbligatorio per legge in alcuni frangenti che vedremo a breve.

Esistono casistiche in cui il cane dovrà indossarla sempre, mentre in altre sarà opzionale e a volte anche superflua.

Quante tipologie di museruole esistono e come scegliere, quindi?

Esistono varie tipologie di museruole - più di quelle che si potrebbe pensare - e la scelta della più papabile può variare anche in base alla problematica alla base.

Esistono frangenti in cui il padrone di un cane si trova obbligato a far indossare la museruola a un cane che magari soffre di gastrite ed è solito mangiare erba o legnetti durante le passeggiate, peggiorando così le proprie condizioni cliniche. Tendenzialmente, però, la museruola viene indossata per poter salvaguardare la salute fisica delle persone e degli animali che entrano in contatto con il cane in questione.

Potrebbe succedere, infatti, che trovandosi in un posto molto affollato o che arrechi molto stress all’animale, questo possa rivoltarsi e azzannare una persona o un altro cane.

In questi due casi, serviranno due museruole totalmente diverse, mentre nel caso di un cane a muso corto o schiacciato ne servirà ancora un’altra tipologia.

Ecco la lista delle tipologie di museruola:

  • di tela o di nylon. Questa è ideale per chiudere le fauci del cane per casistiche in cui si riveli obbligatorio il suo utilizzo, anche se l’animale per indole non è aggressivo né ha mai dato segnali di aggressività durante momenti di stress. Non è l’ideale per i cani che mangiano fuori casa, poiché permette di aprire almeno un minimo le labbra e strappare - ad esempio - i fili d’erba;
  • a cestello/a cremagliera. Ideale per i cani molto aggressivi, malgrado permette di bere e di mangiare - piccoli bocconi sporti dal proprietario - non permette al cane di mordere, poiché racchiude l’intero muso dell’animale all’interno;
  •  per razze di cani a muso corto o schiacciato. Le precedenti tipologie di museruole sono fatte per cani dal muso standard o addirittura allungato - per esempio quello dei Collie o del cane lupo Cecoslovacco - mentre non vanno bene per cani come carlini, american bully, il boston terrier, il bouledogue inglese, il bouledogue francese, il boxer, il bull mastiff o il cane corso.

Per questi cani occorrerà una tipologia specifica:

  • modello halti. Esiste ad esempio un modello che prevede l'aggancio del collare all’altezza del mento - così da poter avere maggiore controllo sulla direzione di abbaio del cane e poter soprattutto togliere il focus e prevedere uno scontro.

Sono museruole d’addestramento e vengono predilette soprattutto per casistiche in ampi spazi o per evitare che il cane mastichi in passeggiata. Sorvolando sulle casistiche sanitarie, in quali casi è obbligatoria quella che impedisca al cane di poter effettivamente azzannare o pizzicare?

Quando è obbligatorio per legge fare indossare la museruola al cane?

La domanda che molti si pongono, quindi, è: la museruola per cani è obbligatoria per leggeLa risposta è assolutamente sì. Precisamente è obbligatorio il suo possesso

Difatti, questo strumento non è null’altro se non un accessorio che serve a livello precauzionale. Il proprietario del cane la porta con sé per poterne usufruire solo nel caso in cui essa serva davvero. Se il proprio cane mostra segni di aggressività ma viene sempre tenuto a guinzaglio cortissimo e il padrone ne ha il completo controllo, durante la passeggiata non dovrà obbligatoriamente indossare una museruola.

Sta ai riflessi del padrone e al buon senso dei passanti, non fare in modo che un cane che ringhia e una persona entrino in collisione a meno di un metro di distanza l’uno dall’altro.

Diverso è il caso in cui il cane abbia già precedentemente morso qualcuno. Secondo la legge andrebbe portata per poter prevenire danni o lesioni sia a persone che ad altri animali o a cose. Non viene richiesta una tipologia rigida o morbida - starà al proprietario comprendere qual è l’ideale per il proprio cane - e andrà fatta indossare solo in caso di possibile pericolo o su richiesta delle autorità competenti.

Una grossa postilla si trova nel fatto che questa legge impone a “chiunque si occupi dell’animale” di avere la museruola. Ciò vuol dire che anche un dog sitter o un parente o un amico che se ne prenda cura saltuariamente o in un periodo di nostra malattia, debba averne una per il cane sempre con sé.

Luoghi in cui è sempre obbligatoria 

Vi sono, effettivamente, dei luoghi dove l’utilizzo della museruola risulta obbligatoria sebbene il cane non mostri il pericolo di arrecare danno a cose, persone o animali. Una di queste casistiche la si trova per i mezzi pubblici: autobus, tram, treni, navi, aerei. In ognuna di queste casistiche è prevista la museruola obbligatoria per i cani di taglia media e grande, mentre per i cani di taglia piccola potrà divenire funzionale solo se i cani vengono detenuti in un apposito trasportino o kennel.

A differenza di ciò che pensano molti, invece, non è obbligatoria al ristorante, ove dovrà essere indossata solo se espressamente richiesta. La museruola e il guinzaglio non sono invece obbligatorie nelle aree cani comunali.

Per quali razze vi è l'obbligo?

Alcune credenze popolari vogliono che i “cani pericolosi” - liste create notoriamente da non esperti e fra cui svetta sempre il nome della razza Pitbull - debbano portare sempre e comunque la museruola.

Questo secondo molti significa che un Pitbull ben socializzato, addestrato e che non mostra segni di squilibri dovrà sempre indossare la museruola, mentre un Chihuahua seppur con chiari segni di instabilità potrà essere lasciato libero di circolare.

Nulla di più falso, in realtà. Infatti, non esiste un elenco specifico di razze che debbano indossarla e per il suo utilizzo - come abbiamo letto poc’anzi nella legge apposita - si rimanda al buon senso del proprietario del cane stesso. Ricordiamo, in ogni caso, che se l’autorità lo richieda sarà obbligatorio farla indossare, a priori dal cane e dall’indole dello stesso.

Taglia media e taglia piccola: per chi è opzionale?

Come specificato, non essendoci una lista di razze di cane per cui è visibile l’obbligatorietà, non sarà obbligatorio metterla per cani di taglia piccola. La sua obbligatorietà decade anche nei luoghi ove è obbligatoria, poiché può essere sopperita dall’uso di trasportini appositi.

Cosa  rischia chi non ha la museruola con sé

In caso si venisse fermati e non si potesse dimostrare di avere la museruola perché dimenticata o peggio mai acquistata, che cosa si rischierebbe? Ricordiamo, infatti, che sebbene non vada messa obbligatoriamente sempre, è obbligatorio portarla con sé ogni volta che si è fuori dalla propria abitazione col proprio cane o col cane a cui si sta badando. In caso ci si ritrovasse senza, si incorrerà in sanzioni diverse da Regione a Regione e da Comune a Comune, poiché la legge nazionale in merito non ha previsto espressamente delle sanzioni ed ha delegato ciò agli enti locali.

Ciò che appare scontato è che in ogni caso si rischierà una sanzione amministrativa pecuniaria, ciò significa una multa magari molto salata.

Altra casistica è quella dove la si possiede ma ci si rifiuta di farla indossare al cane malgrado un’autorità competente lo richieda, in quel caso la multa parte da un minimo di 50 euro e arriva ad un massimo di 300 euro.

Perché è così importante averla? A parte la multa e la spesa monetaria che questa può portare con sé, vi sono parecchi motivi per evitare questo comportamento avventato.

Infatti, se il proprio cane dovesse aggredire una persona il proprietario potrà incorrere nel reato di lesione colposa e dover quindi affrontare un procedimento penale a cui si potrebbe aggiungere il rischio di vedere abbattuto il proprio cane.

La situazione peggiora nel caso in cui il proprio cane aggredisce ed uccide una persona, poiché in questo caso il proprietario sarà accusato di omicidio colposo.

Motivo per cui la legge ha istituito una sanzione amministrativa che può arrivare a 258 euro per chi lascia incustodito o mal custodito o affidato a persona non in grado di custodire un animale pericoloso che si detiene.

Ma la responsabilità penale non si limita alla casistica in cui a ferirsi o a morire è una persona, ma anche quando ad essere coinvolto è un altro cane.

Infatti, in tal caso il padrone dell’animale ferito o ucciso potrà denunciare per reato di maltrattamento o uccisione di animali il proprietario del cane che ha effettuato l’aggressione. Quindi, è importante tutelare sé stessi, il proprio cane, le persone e i cani altrui utilizzando con intelligenza la museruola nei casi in cui diventa indispensabile e portarla in ogni caso sempre con sé.