Nuovo Codice della strada, cosa cambia per i neopatentati

Al via la riforma del Codice della Strada con nuove regole per auto, moto, monopattini: stretta sul cellulare e novità per i neopatentati. Cosa sapere

La riforma del Codice della Strada prevede una serie di novità per auto, moto e monopattini: in particolare, viene abbassato il limite di cilindrata per le moto in autostrada, vengono inasprite le sanzioni per chi guida con il cellulare o in stato di ebbrezza, e viene introdotto l’obbligo di targa e assicurazione per i monopattini elettrici.

Novità anche per i neopatentati: vediamo cosa cambia con il nuovo Codice della Strada.

Nuovo Codice della Strada: le novità per i neopatentati

Le novità del nuovo Codice della Strada avranno effetti importanti sui neopatentati, in particolare modificheranno le tipologie di auto che potranno esser guidate da questi conducenti.

Sono stati infatti modificati i limiti alla cilindrata dei veicoli che possono guidare i neopatentati con patente B: si passa a una potenza massima di 105 kW per tutti i mezzi M1 (autoveicoli per trasporto persone con massa complessiva entro 3,5 t) e 75 kW/t di rapporto potenza/tara per tutti gli altri autoveicoli.

Fino ad oggi, invece, bisognava rimanere entro i 55 kW/t di potenza/tara (65 se il mezzo è elettrico o ibrido plug in) e anche, per gli M1, i 70 kW di potenza massima.

Il periodo in cui un automobilista viene considerato neopatentato, inoltre, si innalza da uno a tre anni dal conseguimento della patente, con l’estensione anche dell’obbligo di guida con tasso alcolemico pari a zero per questi soggetti.

Riforma del Codice della Strada: le norme

Il passaggio del ddl Codice della Strada a Montecitorio ha cambiato il testo del provvedimento, ma senza intaccare alcune delle norme che potrebbero fare un grande discutere, ovvero:

  • l’abolizione del requisito dello stato di alterazione per configurare il reato di guida sotto effetto di droghe (basterà la sola positività al test sulla presenza di sostanze nell’organismo);

  • l’inasprimento delle sanzioni per guida con tasso alcolemico superiore a 0,8 g/l (con l’obbligo per due o tre anni di rispettare l’alcol zero e di guidare solo veicoli su cui è installato un alcolock);

  • la sospensione “breve” della patente per chi ha meno di 20 punti (sette giorni) o di 10 (15 giorni) e commette alcune infrazioni (tra cui l’uso di cellulari alla guida, il mancato uso di cinture e seggiolini e il contromano).

Verrà articolato anche il fronte dei controlli automatici, con la possibilità di rilevare più infrazioni contemporaneamente e con un solo apparecchio.

Viene poi abbassato il limite di cilindrata che consente alle moto di viaggiare in autostrada: si passa a 120 cc per l’accesso delle moto ad autostrade e strade extraurbane principali, mentre viene approvato l’ok ai rimorchi trainati da moto. Attenzione anche a guidare con il cellulare: si rischiano pesanti sanzioni.

Novità per bici e monopattini

Nel nuovo Codice della Strada sono state inserite anche delle novità per le biciclette e i monopattini.

Viene introdotto il divieto di sorpasso di bici se non si può mantenere almeno 1.5 metri di distanza laterale e l’obbligo di targa, assicurazione e casco sui monopattini elettrici.

Laura Pellegrini
Laura Pellegrini
Redattore, classe 1998.Sono veronese di nascita e milanese d'adozione. Mi sono Laureata in Comunicazione e Società presso l'Università degli Studi di Milano e sono da sempre appassionata di giornalismo e attualità. Entrata nel mondo dell'informazione grazie a uno stage curricolare, ho svolto per due anni l'attività di redattore e social media manager. Attualmente collaboro da remoto con Trend-online, la testata grazie alla quale ho lanciato il mio primo e-book, e con altre testate per la sezione di attualità. La mia ambizione principale è quella di costruire una carriera internazionale.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
769FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate