Smarrimento del portafoglio, cosa fare? Ecco tutti gli accorgimenti e le azioni necessarie

Per dimenticanza o distrazione, può capitare di perdere il portafoglio. Cosa fare in questi casi? Per evitare ulteriori eventi spiacevoli, ecco come muoversi in questi casi.

smarrimento-portafoglio-cosa-fare

Può capitare di perdere oggetti, dimenticarsi di averli poggiati da qualche parte o anche di subire un furto. Quando si perde il proprio portafoglio, si viene assaliti da un senso di smarrimento e panico, (soprattutto quando al suo interno ci sono molte banconote).

Il vero problema, però, non sono tanto i soldi persi, quanto più i documenti di riconoscimento al suo interno. Pensate se i documenti dovessero finire nelle mani di un malintenzionato!

Per evitare qualsiasi evento spiacevole, oltre alla perdita del portafoglio, è sempre consigliabile conservare al suo interno solo lo stretto necessario ed evitare di inserirvi anche biglietti che contengano password, credenziali di ogni tipo e soprattutto i Pin delle carte di credito.

Cosa fare quando si perde il portafoglio? Quali sono i passi che devono essere effettuati immediatamente?

Smarrimento del portafoglio? Ecco cosa fare immediatamente

Perdere il portafoglio non è così difficile. Purtroppo può capitare un momento di distrazione oppure di dimenticanza. In casi come questi, è necessario non andare troppo nel panico e effettuare una serie di operazioni per evitare il peggio.

Bisognerebbe, innanzitutto, fare mente locale e cercare di ricordare tutto ciò che vi era custodito per poter prendere tutte le dovute contromisure necessarie, per se stessi e per i propri familiari. Prima ancora, però, quando si perde il proprio portafoglio si dovrebbe andare a controllare all’ufficio oggetti smarriti.

Spesso, qualche onesto cittadino potrebbe averlo raccolto, portandolo alla Polizia, ai Carabinieri, al Comune oppure presso qualche altro ufficio pubblico.

Secondo la legge, nel momento in cui si trova un oggetto del quale il proprietario è identificabile, infatti, dovrebbe essere consegnato alle autorità, altrimenti si commette un furto. Se, invece, il proprietario dell’oggetto non è identificabile, l’oggetto in questione dovrebbe essere portato all’Ufficio oggetti smarriti.

Attenzione, non si tratta di una “gentilezza” di chi trova un oggetto, ma un vero e proprio obbligo imposto dalla legge, la cui violazione è sanzionata con l’accusa di appropriazione di oggetti smarriti con una multa che può arrivare fino a 50.000 euro.

Se nel proprio Comune non è presente l’Ufficio oggetti smarriti, allora ci si può recare presso il Comune e chiedere se qualcuno abbia consegnato il portafoglio che è stato smarrito.

Quando l’oggetto viene consegnato, allora la notizia del rinvenimento viene pubblicata nell’albo pretorio del Comune, in modo da darne tempestiva comunicazione alla cittadinanza e verificare se il legittimo proprietario si faccia avanti e vada a riprenderlo.

Denuncia di smarrimento alle forze dell’ordine

Un altro passo da compiere velocemente, appena ci si accorge di aver perso il portafoglio, è sporgere denuncia alla Polizia o ai Carabinieri. Bisogna recarsi presso il comando più vicino e dichiarare lo smarrimento del portafoglio.

Poco importa se non è possibile ricostruire il luogo esatto in cui potrebbe essere stato perso. L’importante è cercare di ricordare tutto il suo contenuto. Se sono presenti documenti di riconoscimento e capitano nelle mani di un malintenzionato non si può escludere che possa utilizzarli per commettere qualche truffa.

Per sporgere denuncia, non c’è bisogno di avere un avvocato. Saranno le autorità a redigere un verbale.

Smarrimento portafoglio: bloccare le carte di credito e chiedere i duplicati dei documenti

Chi non conserva carte di credito nel portafoglio? Probabilmente, quasi tutti hanno una carta di credito o un bancomat nel portafogli, ragion per cui, è importante bloccarle al più presto possibile. Come bloccarle?

  • Nel caso di smarrimento del bancomat, per bloccarlo, è necessario telefonare alla banca;

  • Nel caso, invece, di smarrimento della carta di credito, si deve chiamare l’istituto di credito emittente.

Passiamo ai documenti. Si deve subito chiedere il loro duplicato, in quanto con la denuncia di smarrimento, si toglie loro ogni valore legale.

Generalmente, i documenti contenuti nei portafogli sono i seguenti:

  • Carta d’identità;

  • Patente;

  • Codice fiscale e tessera sanitaria (in alcuni casi, anche dei propri familiari),

  • Tessere raccolta punti dei supermercati;

  • Tessere degli ordini professionali di appartenenza.

Cosa fare se all’interno del portafogli si conservava anche un biglietto con tutte le password? La prima cosa da fare è cambiare tutte le password degli account online: social network, e-mail, store online e così via.

Si tratta di dati che potrebbero già essere in mano a malintenzionati ed è opportuno che vengano cambiati immediatamente. Si consiglia di non tenere mai biglietti che contengano credenziali di accesso e password di qualsiasi sistema informatico nel portafoglio e, soprattutto, di non segnare mai il Pin di una carta di credito su un foglietto (sarebbe come lasciare le chiavi nella serratura della porta di casa e sperare che nessun ladro cerchi di entrare).

Leggi anche: Furto in condominio tramite i ponteggi: chi paga i danni? Ecco chi è responsabile