Pellet online a 500 euro, è una truffa: a cosa fare attenzione per non cadere nel tranello

Per proteggersi dalla truffa del pellet online bisogna fare attenzione ad alcuni aspetti del sito che spesso non si notano: vediamo quali.

pellet

Le truffe del pellet online avvengono quasi sempre secondo le stesse modalità, e per non caderci bisogna fare attenzione a una cosa in particolare.

In genere, il criminale informatico crea un sito web ad hoc, e tenta di invogliare all'acquisto del pellet online proponendo offerte molto competitive.

Nella maggior parte dei casi, i sacchetti vengono venduti a quattro o cinque euro l'uno, e il pagamento anticipato deve essere fatto tramite carta o bonifico su un iban presente sull'e-commerce fasullo.

In alcuni casi particolari, si cerca di ottenere un anticipo sulla somma del pellet, permettendo di saldare l'intero importo alla consegna del prodotto. Questa merce, ovviamente, non viene mai recapitata.

Vediamo dunque come fare per capire se un sito è affidabile e come proteggersi dalla truffa del pellet online

Truffa del pellet a 500 euro: come riconoscerla

La struttura del sito usato per truffare gli acquirenti, si compone di una sezione superiore (header) che riporta a grandi lettere il titolo dell'offerta speciale.

Nel corpo dell'offerta ci sono le immagini e le proposte di pellet a basso costo, e nella sezione più in basso, il footer della pagina, c'è la ragione sociale o la denominazione dell'azienda, insieme al numero di partita IVA e alle altre informazioni.

Per verificare che l'annuncio non sia una truffa, bisogna controllare la denominazione aziendale e la sua partita iva con uno strumento apposito.

Questo strumento si trova sul sito dell'agenzia delle entrate, nella sezione "Verifica partita iva".

Una volta raggiunta questa pagina, si deve inserire nella casella all'uopo prevista il numero di partita iva precedentemente copiato dal footer del sito.

Dopo aver cliccato su "Invia", si potrà verificare sia lo stato della p. iva, sia la sua corrispondenza alla denominazione aziendale indicata.

Se, poi, la p. iva non esiste, la pagina manderà a schermo il messaggio "Partita Iva Non Valida".

In questo caso, è sicuro che il bonifico effettuato a nome della società fittizia, finirà nelle mani di un cybercriminale, e niente verrà inviato al vostro domicilio in seguito all'acquisto.

Cosa fare si è caduti nel tranello

Una volta caduti nella truffa del pellet, difficilmente si potrà tornare in possesso del denaro sborsato.

Tuttavia si può effettuare una segnalazione alla polizia postale, di modo che gli agenti possano intervenire per risalire ai truffatori.

Quello che si raccomanda è di intervenire prima, e non cadere nella truffa.

In linea generale, l'acquisto del pellet online è più sicuro sugli store online più famosi, come Amazon ed Ebay.

Tuttavia, qualora si voglia procedere comunque all'acquisto del pellet su siti esterni, oltre alla verifica della partita iva su descritta, si consiglia caldamente di verificare le recensioni dell'azienda sul web.

Leggi anche: Pellet, 15€ a sacco? Solo un ricordo: dal 2023 crolla il prezzo. Ecco cosa ci aspetta