Asta BTP 23 febbraio, ecco tutte le caratteristiche dei titoli in emissione

Il MEF ha annunciato le specifiche dell'asta di BTP in calendario per il 23 febbraio, ecco tutte le caratteristiche e i titoli

Il dipartimento del tesoro del Ministero dell’economia e delle finanza ha comunicato le specifiche dell’asta di BTP calendarizzata per venerdì 23 febbraio 2024.

Secondo quanto riportato nel comunicato del MEF, l’asta vedrà il collocamento di tre titoli in corso di emissione, di cui, un titolo alla prima tranche di emissione. I titoli annunciati avranno scadenza breve, medio e lungo termine compresa tra il 2026 ed il 2041.

Il MEF continua quindi con il proprio calendario di emissioni per luglio 2024.

Caratteristiche generali dell’asta

L’asta di BTP di venerdì 23 febbraio 2024 prevede il seguente calendario.

Le prenotazioni da parte del pubblico dovranno essere comunicate entro il 22 febbraio, mentre le prenotazioni di domande in asta dovranno essere confermate entro le ore 11:00 di venerdì 23 febbraio, in fine, le prenotazioni di domanda in asta per l’asta supplementare potranno essere consegnate entro le ore 15:30 di lunedì 26 febbraio.

Il regolamento, relativo ai titoli collocati, sarà pubblicato il 27 febbraio.

L’asta, come anticipato, prevede il collocamento di tre titoli, di cui un titolo di nuova emissione, il BTP Short Term con scadenza al 2026, un titolo con scadenza a medio termine, il BTP€i 5 anni, con scadenza al 2029, ed un titolo a lungo termine, il BTP€i trentennale, con scadenza a settembre 2041.

Modalità di partecipazione all’asta

Per tutti i titoli collocati durante l’asta è previsto, come sistema di collocamento, l’asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all’interno dei predetti intervalli di emissione.

Il MEF precisa inoltre che l’ammontare collocato sarà determinato escludendo le offerte formulate a prezzi ritenuti non convenienti sulla base delle condizioni di mercato.

Le domande, precisa il ministero, dovranno esse inoltrate con indicazione del prezzo, per ogni richiesta e ciascun operatore potrà formulare fino ad un massimo di cinque offerte, una per singolo titolo all’asta e per un importo non inferiore a 500.000 euro di capitale nominale.

L’asta è riservata ad operatori specializzati in titoli di stato ed aspiranti specialisti.

Titoli all’asta

Come anticipato, l’asta indetta dal MEF vedrà il collocamento di tre titoli quattro titoli di stato, più precisamente tre BTP di cui 2 BTP€i, ovvero BTP indicizzati all’inflazione europea..

I BTP all’asta avranno scadenza a 2 e 5 e 30anni, con vita residua, di 2, 5 e 17 anni.

BTP Short Term gennaio 2026

Il primo titolo all’asta, in ordine di scadenza, è il BTP Short Term con scadenza prefissata a gennaio 2026. Si tratta di un BTP con scadenza a breve termine di nuova emissione. Per questo titolo infatti, l’asta di venerdì 23 febbraio vedrà la prima tranche di emissione, pertanto, non è stato ancora attribuito un ISIN.

Per questo titolo, il MEF ha previsto una cedola annuale al 3,20% che verrà pagata con cadenza semestrale a partire da luglio 2024.

Questo BTP di nuova emissione sarà l’attore principale dell’asta, per questo titolo infatti è previsto un importo minimo di emissione di 3.5 miliardi di euro, ed un importo massimo di 4 miliardi, a cui si aggiunge un importo supplementare al 30$, per circa 1,2 miliardi di euro. Complessivamente si attende il collocamento di titoli per circa 5,2 miliardi di euro.

BTP€i maggio 2029

Il secondo titolo che incontriamo all’asta, in ordine di scadenza, è il BTP€i con scadenza prefissata a maggio 2029. Si tratta di un titolo indicizzato all’inflazione europea, già presente sui mercati da aprile 2023 con ISIN IT00055543803 che giunge alla sua 11a tranche di emissione.

Per questo titolo, il MEF ha previsto una cedola annuale al 1,5% che verrà pagata con cadenza semestrale a partire da l15 maggio 2024.

L’importo di emissione minimo, atteso per questo titolo, è di circa 500 milioni di euro, fino ad un importo massimo di 1 miliardo, a cui si aggiunge un importo supplementare al 15%, per circa 150 milioni di euro. Complessivamente si attende il collocamento di titoli per circa 1,15 miliardi di euro.

BTP€i settembre 2041

Il terzo titolo che incontriamo all’asta, in ordine di scadenza, è il BTP€i con scadenza prefissata a settembre 2041. Si tratta di un titolo indicizzato all’inflazione europea, già presente sui mercati da settembre 2009 con ISIN IT0004545890 che giunge alla sua 42a tranche di emissione.

Per questo titolo, il MEF ha previsto una cedola annuale al 2,55% che verrà pagata con cadenza semestrale a partire da l5 marzo 2024.

L’importo di emissione minimo, atteso per questo titolo, è di circa 250 milioni di euro, fino ad un importo massimo di 500 milioni, a cui si aggiunge un importo supplementare al 15%, per circa 75 milioni di euro. Complessivamente si attende il collocamento di titoli per circa 575 milioni di euro.

Antonio Coppola
Antonio Coppola
Copywriter, classe 1989. Sono nato a Napoli. Laureato in Storia Contemporanea e specializzato in geopolitica e relazioni internazionali presso l'Università di Pisa, nella vita mi occupo di divulgazione, marketing e comunicazione. Scrivo sul web da oltre 10 anni. Appassionato di scrittura e tecnologia, ho collaborato con diversi portali e riviste di settore nel mio campo e nel 2012 ho avviato un mio progetto di divulgazione storico culturale ed un podcast, grazie ai quali ho avuto modo di stringere collaborazioni con aziende, enti e riviste di settore ed ho avuto modo di esplorare e approfondire il mondo della SEO e del Web Marketing.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
776FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate