Fallimento banche: quali sono più a rischio?

L'imminente calo delle banche genere preoccupazioni tra i risparmiatori. Ecco quali sono le banche più a rischio

Per i risparmiatori che non hanno a che fare quotidianamente con la finanza, è difficile capire quali siano le banche solide. In questo articolo vediamo quali sono i fattori di rischio e quali sono le banche più a rischio fallimento.

Quali sono i fattori di un fallimento di una banca?

La trasparenza è il primo fattore da tenere in considerazione in un istituto bancario.

Infatti, le informazioni importanti devono essere rapidamente accessibili e fornite in modo chiaro e completo. Se la banca impiega troppo tempo a fornirle in risposta alle nostre richieste, non è un buon segno.

Anche le dimensioni della banca sono un fattore importante. Le grandi banche sono anche soggette alla supervisione diretta della Banca Centrale Europea.

In totale sono 114 le banche sottoposte a vigilanza in tutta l’Unione Europea e queste banche detengono più dell’80% delle attività bancarie totali.

La quotazione in borsa è altrettanto importante. Le piccole banche, infatti, spesso non sono quotate, il che le rende in qualche modo meno accessibili ai piccoli risparmiatori. Infatti, le banche quotate sono sempre sotto il controllo degli investitori, compresi i grandi investitori che si aspettano profitti.

Di conseguenza, la minima vulnerabilità viene immediatamente punita sotto forma di perdita di valore.

Se il prezzo delle azioni di una banca è forte o in linea con l’andamento generale del mercato, significa che i grandi investitori, sempre molto sensibili alle informazioni, considerano la banca affidabile.

Al contrario, se il mercato è stabile o positivo, ma il prezzo delle azioni è in calo, significa che qualcosa non va o che la banca rischia di fallire.

Il fattore successivo, che può sembrare difficile ma è fondamentalmente importante e facile da controllare, è l’indice di solvibilità.

Questo indice indica le riserve di capitale a disposizione della banca in caso di perdite sugli investimenti. Naturalmente, più è alto meglio è, ma in ogni caso questo rapporto non dovrebbe essere inferiore al 10%.

Infine, c’è il Common Equity Tier 1 ratio (CET1), acronimo di Common Equity Tier 1 ratio, un valore percentuale che mostra la solidità di un istituto finanziario in relazione agli investimenti a rischio.

Il valore minimo stabilito dall’Autorità bancaria europea al di sotto del quale un istituto è considerato rischioso è l’8%. Anche in questo caso, più alta è la percentuale, meglio è.

Questo valore percentuale distingue tra banche a rischio di insolvenza o in fallimento e buone banche italiane.

In altre parole, se questo parametro scende sotto l’8%, la credibilità della banca è a rischio (anche la credibilità di una banca stabile ne risente).

Perché le banche possono fallire?

Il ruolo principale delle banche è quello di raccogliere i risparmi di alcune persone (attraverso operazioni come l’apertura di depositi, conti correnti, ecc.) e di mettere gli stessi risparmi a disposizione di altre persone, cioè di coloro che chiedono prestiti o mutui.

In altre parole, le banche raccolgono fondi e li forniscono a chi non ne ha.

È chiaro però che questo giochetto funziona solo se il capitale viene mantenuto per un certo periodo di tempo.

Al contrario, se tutti chiedessero alla banca la restituzione del proprio denaro, la banca non sarebbe in grado di rispondere perché tutto il denaro prestato ai mutuatari andrebbe perso.

Quali sono le banche a rischio?

Negli ultimi due anni, Bankitalia ha esternalizzato 26 banche su 208 – più di una banca su dieci.

Sedici istituti sono attualmente sottoposti a vigilanza speciale. La maggior parte di questi sono banche cooperative e piccole banche. Le banche locali sono storicamente meno inclini alla finanza speculativa, assemblate e impiegate localmente.

Tuttavia, molte di esse sono crollate sotto il peso di prestiti inesigibili che possono essere stati fatti a pochi individui e al di fuori della loro area locale. Anche altre banche più grandi sono sull’orlo del fallimento (Monte Paschi, Carige e Unicredit). Alcune banche sono invece state salvate dal fallimento tecnico (Popolare di Vicenza, Veneto Banca, Cassa Risparmio Rimini, Cassa Risparmio di Cesena, Cassa S. Miniato…).

Per quanto riguarda i fallimenti bancari, la situazione di Calige, che si protrae da anni senza soluzione, ha raggiunto il limite. La banca è sull’orlo del fallimento o della risoluzione spontanea e il governo è intervenuto con un decreto d’urgenza per bloccarla.

Uso il termine “risoluzione spontanea” per indicare che un istituto stabile ha ricevuto dalla Banca d’Italia e dalla BCE l’ordine di risolvere un altro istituto in crisi o malato.

I fondi di salvataggio sono stati prelevati dal Fondo di Risoluzione Interbancario, indebolendo ulteriormente le altre banche del sistema. La Banca Monte Paschi di Siena e due banche venete, poi confluite in Banca Intesa, hanno ricevuto denaro dallo Stato, direttamente o indirettamente.

In quale direzione stanno andando le banche?

Alla base della bassa redditività di molte istituzioni finanziarie italiane c’è l’incapacità di rendersi conto che il mondo è cambiato e che il modello basato sui prestiti non è più al centro della questione e non può sostenere da solo la redditività.

Intesa, ad esempio, ha scelto un modello di business “fee-based”, come si è visto di anno in anno, e ha mantenuto e sviluppato le proprie fabbriche prodotto, ovvero Eurizon (prodotti di risparmio gestito), Intesa Assicurazioni (assicurazioni), l’investment banking fee-based (ex Banka Imi), insieme a una rete di private banking e consulenza finanziaria basata sul private banking e a una rete di consulenza finanziaria basata su Fideuram. Credem ha poi replicato questa struttura.

Unicredit ha venduto le sue fabbriche di prodotti (Pioneer ad Amundi, Bancassurance ad Allianz e Cnp ad Aviva).

L’esternalizzazione delle fabbriche prodotto non è sbagliata e spesso porta a significative plusvalenze, ma al momento, date le circostanze, non è l’opzione più efficiente. In futuro si andrà verso banche più grandi che potranno assumere altri compiti (compagnie assicurative, gestori patrimoniali, distributori di prodotti finanziari).

Se state pensando di investire, è ovviamente importante conoscere l’attuale “salute” delle banche italiane per evitare il rischio di fallimento.

Ora che avete visto che la situazione non è mai rosea, vi consigliamo di avere sempre un quadro completo prima di fare un investimento, ad alto rischio o meno.

Soprattutto, è importante affidarsi a un esperto del settore, come un Consulente Finanziario Indipendente, che sappia guidarvi sulla strada migliore per voi, in quanto non c’è conflitto di interessi.

Vincenzo Stella
Vincenzo Stella
Vincenzo, 29 anni e sono un copywriter e web editor con una passione per la scrittura fin da giovane. Laureato in giurisprudenza ed avvocato, ho cambiato rotta nel corso degli studi, occupandomi dapprima di web-radio e poi di editoria. Sono appassionato di tech, economia e geopolitica. E adoro le chiacchiere da bar, specialmente se si parla di attualità. La mia passione imperitura per l'arte scritta mi spinge costantemente a migliorare e le mie abilità a tutte le esigenze. Sono sempre alla ricerca di nuove sfide e opportunità per ampliare il mio bagaglio culturale e professionale. Mi occupo di cultura nella vita, anche al di fuori del lavoro. Il teatro ed il volontariato sono il mio carburante nel tempo libero.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
772FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate