Come ottenere un rimborso delle rate del mutuo casa

Secondo una sentenza della cassazione, coloro che hanno pagato rate per il mutuo tra 2005 e 2008 hanno diritto ad un rimborso, ecco come

A seguito di un alterazione artificiosa dell’indice Euribor, ad opera di alcune grandi banche estere, tra il 2005 e il 2008, coloro che, in quel periodo hanno pagato rate di un mutuo casa a tasso variabile, potrebbero avere diritto ad un rimborso, ecco cosa sapere e come fare.

La sentenza della cassazione

Il rimborso delle rate del mutuo è disposto da una sentenza della Corte di Cassazione con cui è stata stabilita la nullità dei contratti di finanziamento basati sull’Euribor che, tra il 2005 e il 2008 risulta essere stato manipolato e alterato da alcune grandi banche estere.

Questo significa che, in determinati casi e condizioni, è possibile richiedere il rimborso di una parte delle rate versate in quel periodo.

Più precisamente, il rimborso riguarderà la differenza tra il tasso legale, indicato dalla cassazione e il tasso reale applicato dalle banche in quel periodo sulla base di un indice Euribor alterato.

Cos’è l’indice Euribor

L’indice Euribor EURO Inter-Bank Offered Rate, in italiano Tasso interbancario di offerta in Euro, e un indice che si compone di tassi di interesse per il mercato finanziario ed indicano il tasso di interesse medio delle transazioni finanziarie, con valuta EURO tra le principali banche europee.

Le variazioni dei tassi EURIBOR possono influenzare in maniera significativa diversi prodotti finanziari e bancari, mutui, conti di risparmio, e prestiti, in particolare i mutui a tasso variabile sono particolarmente sensibili alle variazioni dell’indice EURIBOR.

Quali sono le conseguenze per le banche coinvolte

Le banche coinvolte nell’alterazione e manipolazione dell’Euribor sono già state sanzionate dalla Commissione europea, con multe per oltre 1,7 miliardi di euro, inoltre dovranno risarcire i clienti che hanno sottoscritto dei contratti basati sull’indice Euribor alterato.

Quali banche sono state multate

L’alterazione dell’indice Euribor tra il settembre 2005 e il maggio 2008 sembra aver interessato diverse banche estere tra cui Barclays, Deutsche Bank, Société Générale e Royal Bank of Scotland. Per queste banche la commissione europea ha emesso multe per oltre 1,7 miliardi di euro e disposto il risarcimento dei clienti.

Come richiedere il rimborso delle rate

La procedura per richiedere un rimborso degli interessi in eccesso pagati dai mutui a tasso variabile indicizzati all’Euribor tra il 2005 e il 2008 richiede una serie di passaggi.

La prima cosa da fare è verificare se si ha diritto al rimborso degli eccessi, ovvero se il proprio mutuo è stato colpito dalle alterazioni dell’indice nel periodo indicato. Questa verifica è relativamente semplice da eseguire, poiché basterà verificare se il proprio mutuo a tasso variabile, ha visto il pagamento di rate tra il 29 settembre 2005 e il 30 maggio 2008. Se in quel periodo sono state pagate rate di un mutuo a tasso variabile, bisognerà verificare se quel mutuo era indicizzato all’indice Euribor ad 1, 3, 6 o 12 mesi.

Effettuata questa verifica, se si rientrerà in entrambi i casi, sarà necessario compiere un ulteriore accertamento e verificare se si è ancora in tempo per richiedere il rimborso.

Una volta accertato il proprio diritto al rimborso, bisognerà inviare una lettera di diffida alla banca, al fine di impedire la prescrizione del risarcimento, dopo di che, bisognerà calcolare il rimborso dovuto. Tale cifra potrà essere ottenuta applicando al proprio mutuo il tasso legale, indicato dalla cassazione, in sostituzione del tasso effettivamente pagato.

Fatto ciò, bisognerà comunicare alla banca la richiesta di rimborso, allegando il contratto di mutuo, le rate pagate, il calcolo di rimborso effettuato e tutta la documentazione giuridica relativa all’alterazione dell’indice Euribor.

La banca a questo punto dovrà rispondere entro 30 giorni dalla comunicazione. Se entro questo periodo la banca non avrà comunicato una risposta o se avrà rifiutato la richiesta, sarà necessario rivolgersi ad un avvocato specializzato o ad un associazione di consumatori e procedere con una causa legale contro la banca.

Richiedere un rimborso per i tassi di interesse

La sentenza della cassazione stabilisce il diritto di rimborso per l’alterazione dell’indice Euribor tra il 2005 e il 2008 , tuttavia, ci sono anche altri casi in cui è possibile richiedere un rimborso per gli interessi in eccesso versati sul proprio mutuo, ad esempio, è possibile richiedere un rimborso per i mutui con clausola Floor presene in alcuni contratti di mutuo erogati tra il 12015 e il 2022.

Antonio Coppola
Antonio Coppola
Copywriter, classe 1989. Sono nato a Napoli. Laureato in Storia Contemporanea e specializzato in geopolitica e relazioni internazionali presso l'Università di Pisa, nella vita mi occupo di divulgazione, marketing e comunicazione. Scrivo sul web da oltre 10 anni. Appassionato di scrittura e tecnologia, ho collaborato con diversi portali e riviste di settore nel mio campo e nel 2012 ho avviato un mio progetto di divulgazione storico culturale ed un podcast, grazie ai quali ho avuto modo di stringere collaborazioni con aziende, enti e riviste di settore ed ho avuto modo di esplorare e approfondire il mondo della SEO e del Web Marketing.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
773FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate