Tim, nuove offerte per quota di maggioranza da Cdp, Macquarie e KKR

Nuove offerte per Tim da CDP-Macquarie e KKr, lo rende noto la stessa Tim che annuncia un prossimo CDA fissato al 4 maggio in cui verranno vagliate le varie offerte ricevute.

Tim, ricevute nuove offerte per quota di maggioranza da Cdp, Macquarie e KKR

Nuove offerte per Tim per una quota di maggioranza in Netco da CDP-Macquarie e KKr, lo rende noto la stessa Tim che annuncia un prossimo CDA fissato al 4 maggio in cui verranno vagliate le varie offerte ricevute.

La nota di TIM

Secondo quanto reso noto da TIM con una nota stampa, sono pervenute due nuove offerte non vincolanti presentate rispettivamente dal consorzio formato da Cdp equity e Macquarie infrastructure and real assets (europe) kimited, che agice per conto di un gruppo di fondi di investimento gestiti o assistiti dal gruppo Macquarie, e da Kohlberg Kavis Roberts & Co L.P. (Kkr).

Comparazione delle offerte

Secondo quanto riportato dalla stessa TIM le offerte non vincolanti pervenute all'azienda da parte de Cassa depositi e prestiti in partnership con Macquarie e il fondo Kkr, sono in aumento rispetto alle offerte precedenti.

L'agenzia ANSA ha riportato che l'offerta CDP-Macquarie è di circa 19,3 miliardi mentre l'offerta di KKR è di 19 miliardi a cui si aggiungono 2 miliardi di earn out per un totale di 21 miliardi.

Le due offerte non vincolanti, si legge nella nota di Tim saranno vagliate dal consiglio di amministrazione nella riunione programmata per il prossimo 4 maggio, previa istruttoria del comitato parti correlate.

Le offerte formulate dai competitor non trovano riscontro in quella che è l'attuale valutazione di Netco proposta da Vivendi, che stima il valore intorno ai 31 miliardi.

Assemblea dei soci

Per Vivendi, titolare di una quota del 24% in TIM, l'offerta di CdP deve valutare in modo equo la rete. La decisione finale di Tim, in merito alle offerte pervenute, in ogni caso, spetterà all'assemblea dei soci, assemblea che, se convocata in via straordinaria, potrebbe esercitare diritto di veto, inoltre la delibera passerebbe solo con il voto favorevole di due terzi dei presenti.

Al momento è prevista una riunione del consiglio di amministrazione per la valutazione delle offerte fissata al 4 maggio, tuttavia, il 20 aprile, durante l'assemblea ordinaria per l'approvazione del bilancio, della politica di remunerazione e per la nomina di 3 consiglieri, verrà effettuata la prima conta dei voti.

In quella sede avrà luogo un preannunciato scontro in cui Vivendi comunicherà la propria intenzione di votare Contro in merito ai bonus percepiti dal CEO e altri manager in caso di raggiungimento dell'obbiettivo di portare il valore delle azioni Tim a 1,5€, cinque volte più alto degli attuali 0,30€ attuali.

Leggi Anche

Come ottenere un rimborso delle rate del mutuo casa

Antonio Coppola

23 feb 2024