Azimut comunica che in data 6 novembre 2019 Fitch ha rilasciato il seguente comunicato (riportato parzialmente ndr) a seguito del comunicato diffuso nella giornatadalla Società in merito all'avvio delle attività di soft sounding di investitori istituzionali, italiani e internazionali, per unapossibile emissione obbligazionaria da parte della Società.

"Fitch Ratings ha posto i i titoli senior unsecured di Azimut Holding con merito di credito BBB (IDR) e BBB di lungo termine in rating watch negativo. Allo stesso tempo l'agenzia ha assegnato ai titoli da 500 milioni di euro senior unsecured della società annunciato dal gruppo un rating atteso 'BBB-(EXP)'. L'assegnazione del merito di credito alla emissione pianificata dipende dalla ricezione dei documenti finali sulla stessa e alle informazioni già ricevute.

La decisione segue l'annuncio del 5 novembre di Azimut di procedere con un'emissione di bond senior unsecured a 7 anni da 500 milioni di euro. Azimut intende utilizzare circa 140 milioni di euro delle nuove risorse per ripagare finanziamenti bancari attuali il che porterebbe a una crescita netta del debito emesso di circa 360 milioni di euro a circa 910 milioni complessivi.
Sulla base dell'ebitda annualizzato del secondo e del terzo trimestre 2019, a circa 266 milioni di euro, il leverage lordo sarebbe dunque di circa 34x, contro i 2,2x di fine 2018.

Calcolando il leverage lordo, Fitch si concentra soprattutto sull'ebitda dopo che nel primo trimestre 2019 Azimut ha cambiato il proprio modello operativo aumentando le fee ricorrenti e cambiando il calcolo delle commissioni variabili. In ogni caso l'agenzia nota che le performance di Azimut nel secondo e nel terzo quarto del 2019 sono state solidi ma, a parere di Fitch, non saranno necessariamente ripetute nel quarto trimestre del 2019 e nel 2020.