Interessanti le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.

Nel Regno Unito l'ONS (Ufficio Nazionale di Statistica) e l'ILO (International Labour Organization) rendono noto che nel trimestre dicembre-febbraio il tasso di disoccupazione si e' attestato al 4%, superiore alla rilevazione precedente e al consensus, fissati al 3,9%. A marzo il numero di persone che hanno richiesto sussidi di disoccupazione e' aumentato di 12.200 unita' (le aspettative erano fissate su un incremento di 170.000 unità) .Nel mese di febbraio le persone che hanno richiesto sussidi erano aumentate di 17.300 unita'.

Nel Regno Unito l'ONS (Ufficio Nazionale di Statistica) e l'ILO (International Labour Organization) hanno comunicato che nel trimestre dicembre-febbraio l'Indice di retribuzione media con bonus è salito del 2,8%, risultando inferiore alla rilevazione precedente e alle attese fissate rispettivamente al 3,1% e al 3%. Lo stesso indice, calcolato escludendo i bonus, e' cresciuto del 2,9% (consensus +3,0%), dal +3,1% della rilevazione precedente.

Secondo l'Istat a febbraio 2020 si stima che l'indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni diminuisca del 3,4% rispetto a gennaio 2020, un marcato calo dopo il considerevole aumento registrato il mese precedente. Nella media del trimestre dicembre – febbraio la variazione della produzione nelle costruzioni rimane positiva, crescendo del 3,2% rispetto al trimestre precedente.Su base annua, l'indice grezzo della produzione nelle costruzioni mostra un aumento dello 0,7%, mentre l'indice corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 20 come a febbraio 2019) diminuisce dello 0,3%.

In Germania e' stato reso noto che l'indice Zew, che misura la fiducia degli investitori istituzionali in merito alle aspettative sull'economia del paese tedesco, è tornato a crescere ad aprile. Il dato si è attestato a +28,2 punti dai -49,5 punti di marzo a fronte di attese degli analisti pari a -42,3 punti. L'indice ZEW riferito alla fiducia sulle condizione attuali dell'economia del paese tedesco è invece peggiorato ulteriormente a -91,5 punti in calo di 48,4 punti da marzo. Questa combinazione di valori fortemente negativi per gli indicatori del sentiment economico e della situazione attuale corrisponde a quella osservata tra aprile e maggio 2009, durante la crisi finanziaria.
L'indice di fiducia relativo alle aspettative sull'economia di Eurolandia e' salito a +25,2 punti dai -49,5 punti di marzo.

Aste in Europa:
- Collocate Letras a 3 e 9 mesi. Nell'asta di questa mattina il Tesoro spagnolo ha collocato titoli per un totale di 2,95 miliardi di euro, nel range medio atteso. Le Letras a 3 mesi (425 milioni di euro) hanno segnato un rendimento marginale negativo pari allo -0,291% dal -0,462% dell'asta precedente. Le Letras a 9 mesi (2.525 milioni di euro) hanno segnato un rendimento positivo dello 0,027% precedente.
- Il Tesoro tedesco stamattina ha collocato Schatz a 2 anni (Isin DE0001104792) per 4,085 miliardi di euro (oltre a 0,914 riservati a operazioni di mercato secondario) con un rendimento negativo dello 0,68% (-0,65% l'asta precedente) e cover ratio a 2,8 (1,2). La tail è stata pari a 0,001.
- Il governo britannico ha collocato stamattina 1,5 miliardi di sterline di titoli Gilt 2054 con rendimento medio allo 0,584%. Il bid-to-cover è stato di 2,53 volte.

Crescono i depositi overnight presso la Bce. L'ultima rilevazione giornaliera indica che i depositi di breve delle banche europee presso la Banca centrale europea ammontano a 293,537 miliardi di euro, dai 272,013 miliardi della lettura precedente. Salgono a 1 milione di euro i prestiti marginali da a zero della rilevazione precedente.

Spread BTP/Bund a 266 punti base nel pomeriggio. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni si attesta al 2,18%.

In verde i titoli di Stato tedeschi. Il Bund future di giugno 2020 sale a 172,84 punti (+0,26%) ed il Bobl future si attesta a 135,26 punti (+0,12%).

(CC - www.ftaonline.com)