La Borsa di New York ha chiuso la prima seduta della settimana in ordine sparso. Il Dow Jones ha perso lo 0,49%, l'S&P 500 lo 0,19%. Segno più per il Nasdaq Composite (+0,45%) che aggiorna il record storico.
A deprimere i corsi, oltre all'impennata dei contagi da Covid-19, hanno contribuito le tensioni geopolitiche, con Washington che si prepara a imporre sanzioni contro diversi funzionari cinesi nel colpo di coda dell'amministrazione di Donald Trump nella sua campagna contro Pechino.
Negativo il settore petrolifero in scia al calo delle quotazioni del greggio.
Tra i titoli in evidenza Intel -3,43%. Secondo Bloomberg, Apple (+1,23%) potrebbe lanciare il prossimo anno microprocessori con prestazioni superiori rispetto a quelli del colosso di Santa Clara.
Activision Blizzard +1,72%. Il produttore di videogame ha presentato presso la Los Angeles Superior Court una causa contro Netflix per averle sottratto l'ex chief financial officer Spencer Neumann. Per Activision Netflix aveva reclutato illegalmente Neumann a fine 2018, causando una violazione del contratto che aveva creato un danno alle operazioni aziendali. Activision sostiene che la mossa sia costata anche la perdita di opportunità di business e milioni di dollari pagati per trattenere altri dirigenti. Netflix aveva annunciato a inizio 2019 la nomina di Neumann, chief financial officer di Activision dal maggio 2017 (in precedenza aveva rivestito diverse posizioni manageriali in Walt Disney).
Tesla +7,13%. Il titolo del produttore di auto elettriche ha toccato il nuovo record storico.
Cisco Systems -0,07%. Il gruppo delle infrastrutture di rete ha comunicato di avere raggiunto l'accordo per il buyout della londinese Imimobile per 543 milioni di sterline (pari a poco meno di 600 milioni di euro). Cisco, attraverso la sussidiaria britannica Cisco Systems Holdings Uk Limited, pagherà 595 pence per azione, garantendo un premio del 47,8% rispetto alla chiusura del titolo Imimobile venerdì a Londra. Imimobile fornisce alle aziende software e servizi per connettersi con i clienti attraverso canali interattivi tra cui social, messaggistica e voce.

(RV - www.ftaonline.com)