Chi cerca la crescita, guardi a Est. Le ultime stime dell’Unione europea parlano chiaro. A fronte di un balzo medio del Pil previsto per il 2019 nell’area dei 28 paesi membri pari all’1,4%, ci sono alcune nazioni che si distinguono in positivo: oltre ai casi di Malta (5,5% di crescita previsto per quest’anno) e Irlanda (3,8%), a stupire è il blocco emergente orientale, con Polonia (4,2%), Ungheria (3,7%), Slovacchia (3,8%), Romania (3,3%) e Repubblica Ceca (2,6%). Le previsioni della Commissione per il 2020 sono in ribasso rispetto a questi numeri, ma la tendenza non cambia.

Specularmente, a deludere sono le grandi economie occidentali, in particolare l’Italia fanalino di coda con il suo misero 0,1% e la Germania con lo 0,5%, ma anche la Francia con un non esaltante 1,3%.

Certo, rispetto a un ottimo 2017, negli ultimi 18 mesi l’Europa emergente ha già vissuto un rallentamento, anche se con forti divergenze tra paesi (basti pensare al caso della Turchia). “Un ambiente esterno meno favorevole e le previsioni pessimistiche per la crescita nell'area euro continueranno a frenare le prospettive di crescita per la regione”, si legge in uno studio di Abn Amro. “I paesi fortemente integrati nelle filiere regionali, come l'Ungheria e la Repubblica Ceca, saranno particolarmente colpiti. D’altra parte, la continuazione della guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti dovrebbe avere un lieve impatto sull'Europa emergente. I legami commerciali con la Cina e gli Usa non sono significativi”, si legge nel report.

Tra i rischi principali, lo studio indica un acuirsi delle tensioni tra i paesi dell’Est (in particolare, Polonia, Ungheria e Romania) con l’Unione europea, a causa di alcune posizioni illiberali criticate da Bruxelles e delle decisioni prese a seguito della crisi migratoria. Da monitorare anche eventuali nuove sanzioni da parte degli Usa verso la Russia.