La versione corredata di grafici di questo articolo e' disponibile all'indirizzo http://ftaonline.com/blog/faang-la-corsa-non-si-ferma-con-alcuni-distinguo

Donald Trump continua a tenere la scena del dibattitointernazionale. Dopo le anticipazioni sull'introduzione di nuovi dazi sullematerie prime, che a inizio marzo avevano destabilizzato i mercati finanziarifacendo temere l'avvio di una vera e propria guerra commerciale globale, DonaldTrump e' infatti tornato in scena con un intervento che ha portato scompiglionel settore dei tecnologici.

Il presidente degli Stati Uniti ha infatti firmato ildecreto che blocca una operazione da 117 miliardi di dollari, l'acquisizione diQualcomm (settore semiconduttori, leader per i microchip dei telefonini e dellatecnologia 5G) da parte di Broadcom, un gruppo con sede fino a poco tempo fa aSingapore e ora tornato negli Usa (senza rassicurare pero' il Comitato per gliinvestimenti esteri degli Stati Uniti).

A giustificare questa mossa inconsueta sarebbero statepreoccupazioni legate alla sicurezza nazionale. C'e' da dire che Qualcomm stavagia' cercando da parte sua di opporre resistenza ad una proposta di acquistonon richiesta, l'impressione degli esperti e' che in realta' Trump siaintervenuto piu' per motivi di protezionismo commerciale che di effettivepreoccupazioni relative alla sicurezza nazionale. In gioco c'e' comunque ancheil comando sulle reti di nuova generazione 5G e la volonta' di non fare caderequesta innovazione in mani straniere e di evitare che il colosso cinese delletlc Huawei possa diventare dominante.

Queste notizie di cronaca confermano quanto sia importanteil settore della tecnologia per la crescita Usa, sia a livello economico maanche borsistico. L'andamento dei FAANG, acronimo che indica i cinque colossihi-tech di Wall Street, cioe' Facebook, Apple, Amazon, Netflix, eAlphabet-Google, continua ad essere orientato al rialzo, insensibile al rischiodi aumento dei tassi, di guerre commerciali e di "Russiagate".