La versione completa di grafici di questo articolo e' disponibile all'indirizzo http://ftaonline.com/blog/giappone-borsa-ad-un-bivio-cosa-dicono-i-grafici

Nel quarto trimestre del 2017 il Prodotto interno lordo delGiappone è aumentato secondo i dati preliminari a un tasso annualizzato dello0,5%, ovvero un incremento dello 0,1% dai tre mesi precedenti. Il rallentamentorispetto al dato rivisto sul terzo trimestre, tasso annualizzato del 2,2%, e'stato netto.

Anche se il dato è risultato inferiore alle attese e' comunquestato sufficiente per sancire un periodo di crescita senza interruzione quasida record, che non si verificata dai 12 trimestri dall'aprile del 1986 al marzo1989, il periodo del boom che poi era sfociato nella ben nota bolla della finedegli anni '80.

E secondo il ministro dell'Economia Toshihiro Motegi questafase di espansione, la piu' prolungata da 28 anni circa, potrebbe prolungarsianche quest'anno. I consumi privati, che pesano sul Pil per circa il 60% delPil, sono infatti cresciuti dello 0,5% nell'ultimo trimestre del 2017. Beneanche gli investimenti delle imprese che sono aumentati dello 0,7%. In termininominali la crescita del il Pil del 2017 e' stata dell'1,4% raggiungendo ilvalore record di 546mila miliardi di yen.

Il governo, nel suo rapporto mensile di dicembre, hamigliorato l'outlook economico alzando la stima di crescita del Pil per gliesercizi 2017 e 2018 all'1,9% e all'1,8% rispettivamente, contro l'1,5% el'1,4% dell'outlook di luglio.

L'inflazione è attesa all'1,1% il prossimo anno fiscaledallo 0,7% stimato per l'esercizio 2017 (livelli comunque ancora lontani dal 2%che è il target della Bank of Japan). Stando agli ultimi dati disponibili leattese ufficiali sembrano ragionevoli: l'inflazione e' cresciuta in gennaiodell'1,4% annuo, con una ulteriore accelerazione rispetto all'1,0% di dicembre(0,6% in novembre) e contro l'1,3% stimato dagli economisti. Il dato core (quellosu cui la Bank of Japan ha il target del 2%) è invece salito a gennaio dello0,9% annuo, come in novembre e dicembre e contro lo 0,8% del consensus. Ladisoccupazione secondo il governo si dovrebbe attestare al 2,8% quest'anno escendere al 2,7% il prossimo.