Il Consiglio di Amministrazione di *Italian Exhibition Group (IEG) *società leader in Italia nell'organizzazione di eventi fieristici internazionali e quotata dallo scorso giugno sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana, ha approvato in data 7 aprile 2020 il Bilancio Consolidato e il Progetto di Bilancio che verrà sottoposto all'approvazione dell'Assemblea degli Azionisti in data 8 giugno2020,relativi all'esercizio chiuso al 31 dicembre 2019.

*Principali risultati consolidati dell'esercizio 2019
*I *ricavi totali *dell'esercizio 2019 del Gruppo ammontano a 178,6 milioni di euro (comprensivi dell'effetto negativo di 0,1 milioni di euro dell'applicazione, a partire dall'esercizio 2019,del principio contabile IFRS16), mostrando una crescita double digit, +11,8%, rispetto ai 159,7 milioni del 2018. Questi risultati, nonostante il calendario fieristico meno favorevole,che negli anni dispari si caratterizza per l'assenza delle manifestazioni "Tecnargilla" e "IBE", proseguono nel trend di crescita già registrato a fine 2018 (+22% sull'anno precedente) e testimoniano l'efficacia delle strategie messe in atto sul duplice fronte dello sviluppo dei prodotti in portafoglio e della crescita per linee esterne.

L'EBITDA e l'EBIT, impattati positivamente rispettivamente per 3,7 e 0,3 milioni di euro a seguito dell'applicazione del principio contabile IFRS 16, raggiungono rispettivamente 41,9 milioni di euro e 24,0 milioni di euro,evidenziando una forte crescita rispetto all'esercizio 2018 (rispettivamente +35,7% e 25,9%) che non scontava gli effetti IFRS16.
Nel 2018 EBITDA ed EBIT si attestavano a 30,9 e 19,1 milioni di euro. Anche non considerando gli effetti positivi dell'applicazione del citato principio contabile, gli indicatori della redditività operativa EBITDA ed EBIT presentano, rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente, un aumento rispettivamente del 23,5% e del 24,5%,pertanto più che proporzionale rispetto alla crescita dei ricavi.

Questi significativi risultati sono quindi il frutto delle azioni di sviluppo del business sopra indicate a cui si è affiancata un'attenta politica di efficientamento dei costi operativi.

Il *risultato netto *del Gruppo, che risente di maggiori costi della gestione finanziaria conseguenti alla variazione del fair value di strumenti finanziari derivati (0,5 milioni di euro) e dagli oneri connessi a debiti figurativi per put options (0,4 milioni di euro), si attesta a 13,1 milioni di euro escludendo gli impatti dell'IFRS 16, contro i 10,9 milioni di euro del 2018 (+20,1%).
Considerando gli effetti dell'IFRS16, il risultato netto del Gruppo è di 12,6 milioni di euro, in aumento del 16,1% rispetto allo scorso esercizio.

Il risultato netto di pertinenza degli azionisti della Capogruppo ammonta a 12,9 milioni di euro (impattato negativamente dall'IFRS16 per 0,3 milioni di euro) contro i 10,4 milioni di euro del 2018. Questo risultato, depurato per fini di comparabilità dagli effetti negativi dell'applicazione del principio contabile IFRS 16, si attesta a 13,2 milioni di euro, in aumento quindi del 27,3% rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente.

Al 31 dicembre 2019 la *situazione finanziaria netta *si attesta a 104,5 milioni di euro contro i 70 milioni del 2018 che non recepiva gli effetti del IFRS16.
La PFN "monetaria" (che quindi non tiene conto del debito di 29,1 milioni di euro derivante dall'applicazione dell'IFRS 16, dei debiti finanziari per eventuali future put option pari a 17 milioni di euro e per strumenti finanziari derivati per 5,2 milioni di euro), si attesta a 53,2 milioni di euro rispetto ai 49,2 milioni di euro al 31 dicembre 2018.

Il *patrimonio netto consolidato *al 31 dicembre 2019 ammonta a circa 106,1 milioni di euro rispetto ai 101,5 milioni del 31 dicembre 2018.

*Risultati per area di attività dell'esercizio 2019 (senza considerare, per fini di comparabilità con il 2018, gli effetti dell'applicazione dell'IFRS 16)
*La rilevante crescita dei ricavi registrata nell'esercizio 2019 rispetto al precedente è il frutto dei risultati estremamente positivi conseguiti da ogni linea di businesse l'incremento di circa 19,0 milioni di euro è frutto sia di crescita puramente organica (+11,8 milioni, pari al +7,4%) che di variazione di perimetro (+7,3 milioni pari al +4,6%). Quest'ultima si compone di una variazione positiva di circa 15,3 milioni di euro (pari al +9,6%) derivante dalle acquisizioni delle società di allestimenti effettuate nel corso del 2018 (in marzo FB International in USA, in settembre Prostand e Colorcom in Italia) e da una variazione negativa di circa 8,0 milioni di euro (pari al -5,0%), quasi integralmente verificatasi nel secondo semestre 2019, determinata dall'effetto calendario (-9, milioni) e dall'addebito one-off alla controllante Rimini Congressi di una quota parte dei costi sostenuti per il processo di quotazione (+1 milione).

Di grande rilevanza, quindi, è il fatto che la sola crescita organica di tutte le linee di businesssia stata in grado di superare l'effetto negativo di calendario tipico degli anni dispari.Il "core business" del Gruppo, costituito dall'organizzazione diretta di manifestazioni fieristiche, ha rappresentato il 54,7% dei ricavi complessivi dell'esercizio e mostra un decremento di solo 1,0 punti percentuali rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente.

Infatti, nonostante l'effetto calendario, principalmente rappresentato dalle assenze di "Tecnargilla" nel terzo trimestre e di "IBE" nel quarto, abbia determinato una riduzione dei ricavi del 7,7% (circa -7,5 milioni di euro), la crescita organica che ha interessato i principali prodotti leader nelle categorie "Food & Beverage", "Jewellery & Fashion", Green & Techonology" e "Tourism &Hospitality" ha consentito un incremento dei ricavi del 6,7% (circa +6,6 milioni di euro).

Nel 2019, rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente, la linea di business degli Eventi Congressuali, che rappresenta l'8,7% dei ricavi complessivi,evidenzia una significativa crescita, +19,1%, rispetto al 2018, grazie allo svolgimento non solo di un numero maggiore di eventi (190 nel 2019 vs 181 nel 2018) ma anche e soprattutto di congressi di maggiori dimensioni quanto a numero di partecipanti, superfici congressuali utilizzate e servizi aggiuntivi richiesti.

I ricavi dalla linea di business Servizi Correlati, rappresentati da allestimenti, ristorazione e pulizie, rappresentano il 32,4% del totale dei ricavi del Gruppo ed evidenziano un incremento del 39,2% rispetto al2018. Nel periodo la linea di business ha visto una crescita organica dell'attività captive generata dallo sviluppo degli eventi fieristici organizzati e per la gestione di nuove attività nei servizi di ristorazione,a cui si sono aggiunti i maggiori ricavi derivanti dall'acquisizione delle società di allestimenti avvenuta nel 2018i cui risultati,per la prima volta,sono stati consolidati per l'intero esercizio.

*Risultati della Capogruppo Italian Exhibition Group S.p.A. e proposta di destinazione del risultato d'esercizio
*La Capogruppo Italian Exhibition Group S.p.A. chiude l'esercizio 2019 con ricavi complessivi pari a 124,1 milioni di euro, un EBITDA di 36,0 milioni di euro e un utile netto di 13,9 milioni di euro.
A causa della situazione di incertezza collegata all'evolversi della pandemia da virus COVID-19, il Consiglio di Amministrazione ha deciso di adottare un approccio prudenziale al fine di sostenere ulteriormente la solidità finanziaria e patrimoniale della Società. Pertanto, così come fatto da altre società quotate e come suggerito da istituzioni finanziarie e investitori istituzionali, il Consiglio ha assunto la decisione di sottoporre all'approvazione dell'Assemblea degli Azionisti la proposta di accantonare a riserve l'utile dell'esercizio 2019.

Il Consiglio e l'Assemblea potranno valutare la possibilità di distribuzione di dividendi una volta che saranno superate le incertezze connesse all'attuale emergenza sanitaria.

*Eventi successivi alla chiusura dell'esercizio ed evoluzione prevedibile della gestione
*Il mese di gennaio 2020, che vedeva lo scoppio in Cina dell'emergenza sanitaria COVID-19 (o Coronavirus), è stato caratterizzato dagli ottimi risultati raggiunti dal Gruppo sul fronte delle manifestazioni fieristiche direttamente organizzate e dei servizi ad esse correlati. I due più importanti prodotti fieristici della Capogruppo, Sigep e Vicenzaoro (nell'edizione January), hanno confermato il loro posizionamento di leadership a livello internazionale e hanno fatto registrare risultati economici (in termini di ricavi e di margini) superiori rispetto a quelli dello scorso esercizio.

È importante sottolineare che il mese di gennaio, per le ragioni appena descritte, rappresenta quello più importante dell'anno in cui si consegue una parte significativa del reddito operativo del Gruppo dell'intero esercizio.

Anche le manifestazioni svoltesi nella prima metà del mese di febbraio, pur avendo un peso economico decisamente inferiore rispetto a quelle sopracitate, si sono svolte regolarmente e con risultati complessivamente superiori a quelli dello scorso esercizio. A partire dalla seconda metà del mese di febbraio si è purtroppo assistito alla diffusione anche nel nostro Paese dell'epidemia di Coronavirus che progressivamente ha assunto la dimensione di pandemia.

Conseguentemente il Governo italiano e le Amministrazioni Locali hanno adottato i noti provvedimenti restrittivi che, tra l'altro,hanno determinato la sospensione dell'attività fieristica e congressuale. La Società ha fin da subito provveduto ad adottare tutte le misure necessarie per tutelare la sicurezza e la salute dei dipendenti, collaboratori, clienti e fornitori.

A tal proposito ha giovato l'aver avviato nel corsodel 2019 iniziative di Smart Working che hanno consentito al Gruppo di far fronte alle mutate modalità lavorative imposte dalla citata emergenza.La Società si è immediatamente messa al lavoro per ripianificare le principali manifestazioni fieristiche organizzate e ospitate previste per i mesi di marzo,aprile, inizio maggio e gli eventi congressuali in calendario nel medesimo periodo che non sono stati cancellati su richiesta dei clienti.

Allo stato attuale, queste misure hanno comportato per il Gruppo la cancellazione di due manifestazioni organizzate di dimensioni minori e di 26 eventi congressuali (la maggior parte in programma nei mesi di marzo e aprile)oltre al sostanziale blocco dell'attività delle società controllate operanti nel business dei servizi correlati.

In questo complesso e incerto contesto, la Società continuerà a monitorare l'evoluzione dell'epidemia e dei provvedimenti normativi e a lavorare con i propri clienti e partner per consentire lo svolgimento delle manifestazioni fieristiche e congressuali posticipate.

La Società manterrà alta l'attenzione nella gestione dei propri crediti commerciali e adotterà oculate politiche nella gestione dei propri costi operativi che, essendo da sempre caratterizzati dalla rilevante incidenza dei costi variabili, permetteranno di contenere gli impatti sui margini nonostante la contrazione dei ricavi.

La Società, prescindendo da eventuali disposizioni regolamentari che riguarderanno le manifestazioni del secondo semestre, ha già costituito un gruppo di lavoro interfunzionale (operazione Safe Business) con lo scopo di individuare tutte le soluzioni capaci di rendere le proprie attività ai massimi livelli di sicurezza sanitaria.Infine, la Società ha usufruito di alcune misure di sostegno economico e finanziario introdotte dalle istituzioni governative, e verificherà la possibilità di aderire a quelle che saranno eventualmente adottate in futuro, continuando a fare ampio ricorso alle forme di lavoro agile;il tutto al fine di ridurre al massimo gli impatti delle contingenti difficoltà e di essere pronti a riprendere l'attività a fianco dei propri clienti e partner non appena saranno superati questi momenti di incertezza.

Italian Exhibition Group S.p.A. rende noto che il Progetto di Bilancio di Esercizio 2019 e il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2019, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 7 aprile 2020, sarà messo a disposizione del pubblico presso la sede legale della Società, Via Emilia 155, Rimini, presso il meccanismo di stoccaggio autorizzato di 1INFO Storage, e sarà altresì consultabile sul sito Internet della Società nella Sezione Investor Relations, nei termini di legge.


Il Dirigente Preposto alla redazione dei documenti societari, Roberto Bondioli, dichiara ai sensi del comma 2 art.154 bis del Testo Unico della Finanza, che l'informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.I risultati dell'esercizio 2019 saranno illustrati nel corso di una conference call con la comunità finanziaria fissata per oggi alle ore18,00 (CET). La presentazione sarà disponibile nella sezione Investor Relations del sito a partire dalle ore 17,45.


Approvazione della Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari e della Relazione sulla politica in materia di remunerazione e sui compensi corrisposti. Il Consiglio di Amministrazione ha approvato la Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari relativa all'esercizio 2019 ai sensi dell'art. 123-bis del D. Lgs. n. 58/1998 come successivamente modificato (il "TUF") e la Relazione sulla Politica in materia di remunerazione per il 2020 e sui compensi corrisposti agli amministratori e ai dirigenti con responsabilità strategiche della Società nell'anno 2019 ai sensi dell'art. 123-ter del TUF e dell'art. 84-quater e dell'Allegato 3A, Schema 7-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/1999 (il "Regolamento Emittenti").Le suddette relazioni saranno messe a disposizione del pubblico, nei termini di legge, presso la sede legale della Società, ViaEmilia 155, Rimini e sul sito internet della Società, Sezione Corporate Governance.


*Approvazione della Dichiarazione consolidata Non Finanziaria 2019
*Il Consiglio di Amministrazione nella seduta odierna ha altresì approvato la Dichiarazione consolidata di carattere Non Finanziario 2019 ai sensi del D. Lgs. 254/2016. Ai fini della rendicontazione delle "informazioni non finanziarie" IEG ha implementato un processo di analisi e di disclosurein linea con gli Standard internazionali previsti dal Global Reporting Initiative(GRI). La suddetta Dichiarazione sarà messa a disposizione del pubblico, con la stessa tempistica prevista per la relazione finanziaria annuale nei termini di legge, presso la sede legale della Società, Via Emilia 155, Rimini e sul sito internet della Società www.iegexpo.it, Sezione Investor Relations.


*Convocazione dell'Assemblea Ordinaria degli Azionisti
*Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato la convocazione dell'Assemblea degli azionisti in sede ordinaria e straordinaria per il giorno 8 giugno 2020 in unica convocazione.L'Avviso di Convocazione corredato da tutte le informazioni prescritte dall'art. 125-bis del TUF, così come tutta la documentazione che sarà sottoposta all'Assemblea ai sensi degli artt. 125-ter e 125-quater del TUF saranno messi a disposizione del pubblico, nei termini di legge, presso la sede legale della Società, Via Emilia 155, Rimini e sul sito internet della Società, Sezione Corporate Governance. L'Avviso di Convocazione sarà altresì pubblicato sul quotidiano Milano Finanza entro i termini di legge.

(GD - www.ftaonline.com)