E' stato chiuso anticipatamente il book di Officina Stellare, società basata a Sarcedo (Vicenza) specializzata nella progettazione e produzione di telescopi e strumentazione ottica ed aerospaziale d'eccellenza. Il book, composto da oltre 20 istituzionali, è stato chiuso dal Global Coordinator una settimana prima della scadenza programmata.

Un riscontro fortemente positivo raccolto da parte degli investitori istituzionali per la società che ha ricevuto una domanda superiore di circa 3 volte rispetto all'offerta *al massimo della forchetta individuata, e pari a *6 euro.

La società, che il 10 giugno 2019 ha presentato a Borsa Italiana la comunicazione di pre-ammissione, avanza con rapidità nel suo percorso verso l'ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni ordinarie e warrant sul mercato AIM *Italia*.

L'operazione di IPO di Officina Stellare prevede un flottante pari a circa il 15% (oltre l'opzione greenshoe), e avverrà integralmente in aumento di capitale con collocamento privato di azioni e l'assegnazione gratuita di warrant.

Officina Stellare, attiva nella realizzazione di soluzioni all'avanguardia per il mercato della ricerca scientifica, della difesa, delle comunicazioni laser e dell'innovativo settore della New Space Economy, punta a diventare una Space Factory riconosciuta a livello mondiale e destinerà la raccolta al supporto dei piani di crescita, sia organica che per linee esterne, e degli investimenti per la ricerca e l'innovazione.

Gli Advisor coinvolti:
Nel processo di quotazione Officina Stellare è affiancata da Ambromobiliare come Advisor Finanziario e da Banca Finnat che agisce in qualità di Nomad e Global Coordinator, nonché di Specialist e Corporate Broker nella successiva fase di negoziazione. La società è inoltre assistita dallo Studio Legale Chiomenti in qualità di Advisor Legale, dallo Studio Pompanin Dimai come Tax advisor e da Hepteris Studio come advisor per il Business Plan.