Il FTSE MIB segna -0,33%, il FTSE Italia All-Share -0,28%, il FTSE Italia Mid Cap -0,26%, il FTSE Italia STAR -0,35%.
BTP in forte peggioramento, sale lo spread. Il rendimento del decennale segna 0,68% (chiusura precedente a 0,57%), lo spread sul Bund 113 bp (da 108) (dati MTS).
Rimane alto il rischio che, dopo il via libera del governo al Recovery Plan italiano, Italia dei Valori decida di aprire formalmente la crisi ritirando i propri ministri. Il premier Conte sarebbe costretto a cercare una nuova maggioranza in aula e si aprirebbero nuovi scenari di instabilità. La crisi potrebbe anche prendere un'altra direzione e il Quirinale potrebbe dovere vigilare sulla formazione di un nuovo governo.
Circa due ore dopo l'apertura di Wall Street i principali indici americani sono attorno alla parità. Nel pomeriggio l'indagine JOLTS (Job Openings and Labor Turnover Survey) segnala che le posizioni lavorative ricercate dai datori di lavoro negli Usa a novembre si sono attestate a 6,527 milioni, inferiori ai 6,632 milioni di ottobre (rivisto da 6,652 milioni unità) ma superiori ai 6,420 milioni attesi dagli economisti.
Il presidente della Federal Reserve Bank di Atlanta Raphael Bostic prevede comunque che la diffusione dei vaccini possa favorire una forte ripresa dell'economia degli Stati Uniti nella seconda metà del 2021, creando le premesse per un ridimensionamento del programma di acquisto di obbligazioni dell'istituto centrale.
A Milano intanto netto calo per Prysmian, -6,02%, dopo che Clubtre (Tamburi Investment Partners +1,15% detiene il 66,226%) ha ceduto una quota del 3,729% ad un prezzo di 29,25 euro per azione (controvalore complessivo di 292,5 milioni) mediante una procedura di Accelerated Bookbuilding riservato ad investitori qualificati in Italia ed all'estero. A completamento dell'operazione Clubtre deterrà circa 3,577 milioni di azioni Prysmian, corrispondenti all'1,334% del capitale sociale.
Telecom Italia -3,04% perde quota all'indomani del collocamento del suo primo Sustainability Bond da 1 miliardo di euro, con scadenza di 8 anni, destinato ad incrementare l'efficienza energetica del Gruppo e a finanziare progetti Green e Social. La domanda è stata superiore a 4 miliardi di euro. Il rendimento pari all'1,75%, corrispondente a un rendimento di 205,6 punti base al di sopra del tasso di riferimento (mid swap).
Poste Italiane -1,69% debole. Ieri nel proprio bollettino settimanale l'Antitrust ha svolto un'analisi degli effetti dell'acquisizione del controllo esclusivo di Nexive Group da parte di Poste Italiane annunciata lo scorso 16 novembre e ha imposto una serie di misure al gruppo guidato da Matteo Del Fante. A febbraio Poste presenterà l'aggiornamento del piano industriale: il Sole 24 Ore riferisce che la convenzione triennale con CDP sulla raccolta postale scaduta lo scorso 31 dicembre dovrebbe essere prorogata per sei mesi proprio per attendere l'aggiornamento. CDP vorrebbe rinnovare riconoscendo però a Poste una remunerazione inferiore.
Banca Mediolanum +3,6% accelera e tocca i massimi da inizio dicembre in scia ai dati sulla raccolta a fine 2020. A dicembre raccolta netta a ben 1,083 miliardi di euro con un saldo annuo pari a 7,717 miliardi, +90% rispetto ai 4,064 del 2019. Da segnalare che il solo mese di dicembre ha visto l'ingresso di 370 mila nuovi clienti, portando la base complessiva di clientela ad oltre 2 milioni, il 50% in più rispetto alla fine del 2019.
Azimut Holding +2,16% balza in avanti e tocca i massimi da inizio marzo 2020 grazie alle indicazioni fornite dalla società in base ai primi dati di sintesi e alle stime. Per il 2020 l'utile netto è previsto fra i 375 milioni di euro e i 415 milioni, il più alto della storia e ben al di sopra dei 300 milioni previsti dal presidente Pietro Giuliani.
Piaggio (+4,29%) estende il rally della seduta precedente e tocca i massimi da dicembre 2019. Ieri Mediobanca ha migliorato il giudizio sul titolo da neutral a outperform con target a 3,20 euro.

(AC - www.ftaonline.com)