Piazza Affari migliore in Europa con Leonardo e bancari. FTSE MIB +1,12%.

*Il FTSE MIB segna +1,12%, il FTSE Italia All-Share +1,03%, il FTSE Italia Mid Cap +0,52%, il FTSE Italia STAR +0,21%.

Mercati azionari europei in leggero progresso:* Euro Stoxx 50 +0,2%, FTSE 100 +0,6%, DAX -0,2%, CAC 40 +0,1%, IBEX 35 +0,2%.

*Pochi minuti prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici USA sono in lieve rialzo: S&P 500 +0,2%, NASDAQ 100 +0,2%, Dow Jones Industrial invariato.

Leonardo (+9,1%) balza sui massimi da fine gennaio grazie agli ottimi risultati conseguiti nel secondo trimestre 2018.* I ricavi sono pari a 3,138 miliardi di euro, in linea con quelli dello stesso periodo del 2017 ma nettamente superiori al consensus (2,861), l'EBITA scende del 9% a/a a 317 milioni (consensus 273), il Free Operating Cash Flow (FOCF) è positivo per ben 248 milioni da -104 un anno fa (consensus -91), i nuovi ordini salgono dell'1,1% a/a a 2,44 miliardi (consensus 2,3), il risultato netto è positivo per 56 milioni da +164 un anno fa (consensus -6). Il management ha migliorato le stime per l'esercizio 2018 per quanto riguarda ordini (da 12,5-13,0 a 14,0–14,5 miliardi di euro), FOCF (da circa 100 milioni a 300–350) e indebitamento netto di gruppo (da circa 2,6 miliardi a circa 2,4). L'a.d. Alessandro Profumo durante la presentazione dei conti ha dichiarato di aver ricevuto segnali positivi dal governo: il sostegno dell'esecutivo sarà in linea con il passato. Ricordiamo le indiscrezioni del Sole 24 Ore di circa dieci giorni fa secondo cui Profumo non era gradito alla coalizione di governo Lega-M5S, con i leader Salvini e Di Maio intenzionati a sostituire il manager.