Piazza Affari positiva e spread in calo, oggi esame Moody's e DBRS su rating Italia. FTSE MIB +0,5%.

Il FTSE MIB segna +0,5%, il FTSE Italia All-Share +0,6%, il FTSE Italia Mid Cap +1,1%, il FTSE Italia STAR +1,1%.

BTP e spread in miglioramento. Il rendimento del decennale segna 1,89% (chiusura precedente a 1,99%), lo spread sul Bund 244 bp (da 249) (dati MTS).

In giornata sono attese le revisione periodiche dei rating dell'Italia da parte di Moody's e DBRS.

Mercati azionari europei in verde: Euro Stoxx 50 +0,6%, FTSE 100 chiuso per festività nel Regno Unito, DAX +1,1%, CAC 40 +0,5%, IBEX 35 +0,5%.

Future sugli indici azionari americani positivi: S&P 500 +1,0%, NASDAQ 100 +0,9%, Dow Jones Industrial +0,9%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +1,15%, NASDAQ Composite +1,41%, Dow Jones Industrial +0,89%.

Mercato azionario giapponese in deciso rialzo, il Nikkei 225 ha chiuso a +2,56%. Borse cinesi positive: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha terminato a +0,99%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna +1,0% circa.

Banco BPM +2,9% in ottima forma grazie ai dati del primo trimestre. Il risultato della gestione operativa si è attestato a 525,5 milioni di euro rispetto a 410,8 milioni del trim1 2019, l'utile netto a 151,6 milioni, rispetto a 155,4 milioni un anno fa. Il Tier 1 ratio è pari al 15,67% rispetto al 15,42% del 31 dicembre 2019. BPM predisporrà un nuovo piano industriale una volta che il quadro prospettico sarà meglio definito dato che gli obiettivi del piano strategico 2020-2023, annunciati all'inizio di marzo, non sono più da considerarsi attuali a causa della crisi coronavirus.

CNH Industrial +3,0% rimbalza dopo il -9% abbondante accumulato nelle due sedute precedenti a causa dei risultati del primo trimestre, periodo chiuso con ricavi pari a 5,5 miliardi di dollari, in diminuzione del 15% a/a, e una perdita netta adjusted pari a 66 milioni di dollari, rispetto a un utile netto adjusted pari a 248 milioni di dollari nel primo trimestre del 2019. La presidente e CEO pro tempore Suzanne Heywood ha dichiarato che lo spin-off delle attività On-Highway (tra cui Iveco) si farà ma con tempistica probabilmente diluita rispetto al previsto (inizio 2021).

Anima Holding +3,5% in ulteriore progresso dopo il +6,88% messo a segno grazie ai risultati del primo trimestre. Le commissioni di incentivo sono state pari a 23,1 milioni di euro (in forte incremento rispetto ai 4,1 milioni del 1Q19). Considerando queste ultime e gli altri proventi, i ricavi totali si sono attestati a 102,8 milioni di euro (in aumento del 28% rispetto agli 80,4 milioni del 1Q19). L'utile netto è salito a 38,6 milioni (+41% rispetto ai 27,4 milioni del 1Q19). L'utile netto normalizzato (che non tiene conto di costi e/o ricavi straordinari e/o non monetari fra i quali gli ammortamenti di intangibili a vita utile definita) è stato di 50,2 milioni (+32% circa sui 38,2 milioni del 1Q19). L'AD Alessandro Melzi d'Eril ha messo in evidenza "la possibilità di cogliere eventuali opportunità di consolidamento del settore che si dovessero presentare e una politica di importanti ritorni per gli azionisti". Recentemente Anima è stata oggetto di indiscrezioni di stampa (poi smentite) secondo cui Amundi sta valutando l'acquisto di una quota rilevante dell'asset manager italiano, preludio a un tentativo di scalata. il Sole 24 ha invece scritto che Anima potrebbe partecipare come aggregatore al consolidamento del comparto.

Maire Tecnimont -3,8% perde ulteriore terreno dopo il -9,83% accusato ieri in scia ai risultati del primo trimestre: ricavi a 706,0 milioni di euro, -20,5% a/a, EBITDA a 42,5 milioni, -25,7% a/a, risultato netto a 10,9 milioni, -65,6% (-39,7% escludendo gli effetti temporanei espressi dalla valutazione dei contratti derivati in essere). Indebitamento netto pari a 344,8 milioni, rispetto a disponibilità nette per 78,9 milioni al 31 dicembre 2019. Nuovi ordini in calo a 458,9 milioni da 597,9 nel trim1 2019.

Mondo TV +9,4% accelera al rialzo grazie all'annuncio dell'accordo con TIM per la licenza di sei programmi del proprio portfolio che saranno disponibili su TIMVISION, la tv on demand di TIM. La licenza prevede la concessione dei diritti SVOD in via non esclusiva, per il territorio italiano per 15 mesi, con periodi di licenza scaglionati a seconda del programma.

Gli appuntamenti macroeconomici in programma oggi: negli USA alle 14:30 nuovi lavoratori dipendenti non agricoli, tasso di disoccupazione e indice salari orari, alle 16:00 scorte all'ingrosso.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)